Economia

Ultimo weekend per i 4 al tavolo, Fipe-Confcommercio: «Viviamo nell'incertezza»

La presidente Dania Sartorato: «Siamo sempre sommersi da richieste e dubbi e per la ristorazione e i pubblici esercizi il peso è stato doppio»

«Siamo giunti all’ultimo miglio e nell’ultimo (auspicabile) weekend in zona gialla l’incertezza non è mai mancata. Insieme alla confusione su regole e orari». A ribadirlo è Dania Sartorato, presidente di Fipe-Confcommercio provinciale. «Siamo sempre sommersi da richieste e dubbi: resta, anche per questo weekend, la regola dei 4 seduti al tavolo e all’aperto a meno che non siano conviventi, e posso dire che in ogni cambio, in ogni passaggio di colore o di progressione verso le riaperture, non sono mai mancati dubbi e interpretazioni. Per la ristorazione e i pubblici esercizi il peso è stato doppio: abbiamo dovuto sopportare le lunghe chiusure, ma anche l’impatto delle regole e degli adempimenti. Penso ai plexiglas buttati, alle date tante attese, al caffè al bancone, alle tante incongruenze sul coprifuoco. Le nostre imprese, già prima della pandemia erano soggette a sette tipi di controlli incrociati (tra sanitari e burocrazie varie) ora stiamo lavorando appesi al meteo e condizionati da interpretazioni e incertezze. Non ci siamo sentiti rispettati come imprese e come attori primari della vita cittadina. L’auspicio è che il mese di giugno porti chiarezza e ripresa vera» conclude Sartorato..

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ultimo weekend per i 4 al tavolo, Fipe-Confcommercio: «Viviamo nell'incertezza»

TrevisoToday è in caricamento