menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Garbellotto si espande all'estero: nuovo stabilimento in Croazia

L'azienda di Conegliano ha annunciato nelle scorse ore l'acquisizione della Klik Par in Croazia. Il 31 ottobre ci sarà l'inaugurazione ufficiale del nuovo stabilimento

Si terrà mercoledì 31 ottobre in Croazia l’inaugurazione dell’azienda Klik Par di Kutina, recentemente acquisita dai fratelli Garbellotto che da 243 anni, a Conegliano, producono botti e barriques che esportano in tutto il mondo.

Oltre alla famiglia Garbellotto e ai collaboratori dell'azienda, interverranno all’inaugurazione il vicepresidente della regione Sisa?ko-moslava?ka ?upanija, il sindaco di Kutina e i rappresentati delle Forestali croate e del cluster del legno. «Siamo contenti di cominciare a lavorare direttamente in Croazia, da dove proviene la metà del legno che utilizziamo per la costruzione delle botti e dove abbiamo una buona quota export - dicono i fratelli Garbellotto - Questa acquisizione ci permetterà di avere il rovere a chilometro zero, direttamente dal bosco, che poi selezioneremo grazie ai nostri brevetti ed impiegheremo per costruire botti e barriques, richieste con questa tipologia di rovere. Mentre quello che non supererà i test armatici, sarà venduto direttamente ai mobilifici italiani. Si tratta di un tassello importante del nostro programma di internazionalizzazione e crescita aziendale - sottolineano i Fratelli Garbellotto -  Mentre qui in Italia, tutti i collaboratori continueranno ad essere il cuore di tutta la produzione per l’Europa ed il mercato americano, la Klik grazie alla sua posizione nel cuore dei Balcani, diventerà il centro produttivo di quei mercati». A chiudere la cerimonia una nota di colore: saranno proprio Samanta Fabris, Martina Samandam accompagnate da Daniele Santarelli rispettivamente capitana, giocatrice ed allenatore della nazionale di volley Croata, oltre che dell’Imoco Volley a fare da “madrine” al taglio del primo tronco. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento