menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

H-Farm entra nel mondo della scuola: nasce H-Campus

Dopo la quotazione a Borsa Italiana di qualche giorno fa, l'azienda ha deciso di acquistare l'IST entrando così nel futuro mondo scolastico

RONCADE Venerdì è stato un giorno importante per H-Farm Ventures, in quanto si è dato seguito a quanto annunciato durante l’IPO compiendo il primo importante passo in ambito "Education". l'azienda ha infatti acquisito l’International School di Treviso (IST), istituto certificato IBO per il percorso PYP (Primary Years Program) e MYP(Middle Years Program), e ha firmato un accordo quadro con l’istituto scolastico Vescovile Collegio Pio X di Treviso, già attivo nella formazione superiore internazionale.

Grazie a queste operazioni H-Farm ottiene tutte le autorizzazioni e compie il primo passo verso la realizzazione di un progetto più ampio finalizzato a creare un percorso completo di formazione K-12, che va dai primi anni di età scolare al diploma superiore, al quale si aggiunge la formazione post diploma, dalla laurea ai master, che permetterà ai giovani di oggi e di domani di affrontare ed interpretare in maniera consapevole gli enormi cambiamenti che il digitale sta apportando nei sistemi e nei processi a livello globale. “Dobbiamo dare ai giovani i giusti strumenti e i giusti modelli ispirazionali per crescere e affrontare il grande cambiamento che ci sarà nei prossimi anni. L’innovazione tecnologica e la conseguente variazione dei comportamenti sociali apre degli scenari incredibili per chi saprà leggere il cambiamento. Dobbiamo rendere consapevoli i ragazzi delle opportunità che ci saranno e prepararli alle professioni del futuro” – ha dichiarato il fondatore Riccardo Donadon – “Costruiremo un luogo speciale (l'H-Campus, n.d.r.) dove cercheremo di ispirarli e “contaminarli” con le esperienze e i cervelli più brillanti. Immaginiamo una cosa molto bella e sarà molto importante la collaborazione con le aziende eccellenti del nostro Paese per trasmettere la cultura del fare”".

Il founder ha poi così concluso: "Nei prossimi 5 anni faremo tre cose, investiremo nelle migliori idee e nei migliori talenti, aiuteremo le aziende a digitalizzare i loro processi ed educheremo le giovani menti alle grandi opportunità che il futuro riserva loro. Questo è il primo passo e l'entusiasmo che anima me ed i farmers è a mille... perche' questa è una cosa bellissima".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento