Economia Via Madonna di Loreto

Irinox, primo semestre 2016 oltre le aspettative: ricavi a 25 milioni di euro

Le stime parlano di una crescita di oltre il 20% rispetto al 2015 grazie ad una produzione al 100% made in Italy. Oggi il 50% delle pasticcerie in Italia usa infatti gli abbattitori dell'azienda

Katia Da Ros, Amministratore Delegato e Vicepresidente di Irinox Spa

TARZO Dopo un 2015 più che positivo, continua il trend di crescita di Irinox Spa, azienda specializzata in tecnologie innovative per la ristorazione e la cucina, con stabilimenti a Corbanese di Tarzo e Scomigo. I primi sei mesi del 2016 si chiudono, infatti, ben oltre le stime segnando una crescita del 20% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con ricavi consolidati pari a 25 milioni di euro. Le aspettative per la seconda parte dell’anno sono altrettanto positive.

Con una produzione 100% made in Italy, Irinox Spa è un’azienda da sempre orientata all’export e gli ottimi risultati raggiunti nei primi mesi dell’anno sono frutto sia dei continui investimenti con capitale proprio, che del potenziamento della sua presenza in oltre 80 Paesi esteri. In questa direzione va il perfezionamento dell’acquisizione del 100% di Irinox USA, filiale americana del gruppo con sede a Miami. Si conferma così il percorso di rafforzamento di Irinox Spa a livello internazionale con l’obiettivo di diventare azienda leader per gli abbattitori rapidi di temperatura in tutto il mondo. Ma il 2016 è anche l’anno in cui si assiste ad una ripresa del mercato interno; grazie soprattutto agli investimenti realizzati per il rafforzamento della rete commerciale. Irinox vanta una posizione di leader sia in termini di notorietà che di penetrazione; oggi il 50% delle pasticcerie in Italia usa i gli abbattitori e conservatori della gamma Irinox, e il marchio dell'azienda ha raggiunto il 54% di brand awareness presso i professionisti.

“I risultati dei primi sei mesi del 2016 sono stati superiori alle aspettative. Unitamente al rafforzamento sui mercati internazionali, che resta un nostro obiettivo primario, bisogna segnalare la positiva risposta del mercato interno, tutti segnali che ci fanno guardare con ottimismo alla chiusura di fine anno - ha dichiarato Katia Da Ros, Amministratore Delegato e Vicepresidente dell’azienda - Gli investimenti realizzati e un piano industriale ambizioso, sempre coerente con le richieste e le opportunità del mercato, ci consentiranno di proseguire nel nostro percorso di crescita sia all’estero che in Italia. Negli ultimi 5 anni, siamo stati capaci di raddoppiare la nostra dimensione, crescendo a doppia cifra in ogni esercizio, e abbiamo tutti gli strumenti per replicare le stesse performance in futuro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Irinox, primo semestre 2016 oltre le aspettative: ricavi a 25 milioni di euro

TrevisoToday è in caricamento