rotate-mobile
Economia Carbonera

Non solo accendini per Clipper: da oggi il brand entra nel mondo della profumeria artistica

Grazie alla collaborazione con il marchio milanese Step Aboard nasce la prima fragranza firmata dal brand di Flamagas, tra alta profumeria e suggestioni streetstyle

Nasce il primo eau de toilette targato Clipper. Non solo accendini dunque per il noto brand di Flamagas di stanza nel Trevigiano, ma un’insolita incursione nel mondo della profumeria di nicchia, frutto della partnership con Step Aboard, azienda 100% italiana che in Italia produce fragranze di qualità firmate da uno dei dieci “nasi” più famosi del mondo: Bertrand Duchafour.

Un progetto innovativo che fa capo alla giovane creativa Georgiana Mocanu, già studentessa di relazioni internazionali a Brescia, innamoratasi della profumeria artistica durante un erasmus a Parigi e oggi cuore pulsante del marchio. Il suo sogno? Rendere questo mondo, tradizionalmente elitario e un po’ esclusivista, accessibile a tutti, soprattutto alle nuove generazioni. Il concept di base sposa proprio questa filosofia e trae linfa dall’insolito intreccio tra beauty e cultura urbana, tra sciccheria e streetstyle. Un mix evidente soprattutto nella scelta voluta di non imbottigliare le profumazioni in boccette più o meno ricercate come è d’uso e costume nell’ambiente, bensì all’interno di bombolette in tutto e per tutto simili a quelle utilizzate dai writers e dagli artisti di strada. Un packaging dinamico e rivoluzionario che richiama esplicitamente il popolo dei graffiti e le loro opere. La differenza è che dentro agli spray non c’è vernice, bensì emozioni charmant tradotte in essenza. «I nostri eau de toilettes – spiega Georgiana Mocanu - sono pensati per una vaporizzazione all over su corpo e capelli, contengono pochissimo alcol e grazie alla speciale tecnologia di erogazione “bag on valve” garantiscono un’erogazione a 360 gradi».

Foto Clipper X Step Aboard

Il target di riferimento è giovane, multietnico, cosmopolita e costituisce il principale anello di congiunzione con Clipper: due realtà perpendicolari che, parlando la stessa lingua allo stesso pubblico, non potevano non incontrarsi. Tra le varie fragranze presenti nel catalogo – tutte dedicate a un ipotetico viaggio tra le fermate immaginarie della metropolitana di Milano e di Londra -   quella che Clipper ha selezionato e personalizzato con il proprio logo è Transition Gate, a sua volta ispirata a una videoinstallazione pubblica dell’artista israeliana Michal Rovner presente all’ingresso della fermata – stavolta reale - Canary Wharf della nuovissima Elizabeth Line. La profumazione, che mescola le note rituali della lavanda alla solidità del vetiver e del legno di cedro, si presenta come una fragranza cupa, decisa, fiera e disinvolta, senza regole, no gender e totalmente free, dal sentore vagamente ottocentesco e gotico, con un occhio saldamente ancorato al passato e l’altro proiettato verso il futuro. A impreziosire etichetta e scatola dando corpo, colore e vivacità alla confezione, ci ha pensato il collettivo bresciano di graffitari ArtofSool, non nuovo a collaborazioni con Clipper. La capsule collection Clipper X Step Aboard sarà disponibile in edizione limitata in flacone da 150 ml, a partire dai prossimi giorni sia sul sito myclipper che all’interno dello store online di Step Aboard.

«Abbiamo fortemente voluto e sponsorizzato questo progetto – dichiara Isacco Pesce, responsabile PR&Digital di Clipper Italia – Metterci alla prova in un campo completamente nuovo come quello della profumeria di nicchia è una sfida elettrizzante, un’escursione in terra inesplorata. Con Step Aboard condividiamo valori e mood: il loro è un brand dinamico, che come noi si rivolge principalmente a un pubblico urban, giovane e creativo. L’interazione tra i nostri due mondi era pressoché inevitabile e la sinergia è stata immediata. Da questa comunione d’intenti è nata l’idea di provare a fare insieme qualcosa di bello. Transition Gate è la fragranza che più si avvicinava al nostro concept e non a caso è un loro best seller. Sarebbe bello se ora diventasse anche un nostro best seller».

Conclude Georgiana Mocanu «Quello della profumeria artistica è un mondo abbastanza chiuso ed elitario. Difficilmente i più giovani sono spronati a frequentarlo. Al contrario, è un ambiente che spesso intimorisce. Imbottigliare essenze di alto livello nelle bombolette da writer, mi è sembrato il modo migliore per schiudere questo universo anche a un pubblico di non esperti, desiderosi di essere “educati” alla nobile arte del profumo.  La collaborazione con Clipper, brand amatissimo dai più giovani e icona dello streetsyle, si inserisce proprio in questa linea di azione. Il mio sogno è infatti quello di raggiungere più cuori possibili e soprattutto più nasi possibili, è il sogno di una profumeria a portata di tutti, sia nei costi che nell’impostazione, naturalmente accogliente e desiderosa di farsi scoprire e apprezzare».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non solo accendini per Clipper: da oggi il brand entra nel mondo della profumeria artistica

TrevisoToday è in caricamento