rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Economia

La sostenibilità in convegno a Mogliano

Ieri sera a Villa Condulmer la serata organizzata da Banca Generali Private sulla sostenibilità

La sostenibilità come nuovo paradigma per gli investimenti, sia quelli delle famiglie che quelli delle imprese. Di questo e molto altro si è parlato ieri sera a Villa Condulmer in occasione della serata organizzata da Banca Generali Private dal titolo “Sostenibilità: scelta etica o vantaggio competitivo? Possibili implicazioni per imprese ed investitori “.

L’evento si è aperto con una presentazione da parte di Rodolfo Fracassi, fondatore e CEO della società britannica MainStreet Partners, che ha illustrato lo scenario macro del mondo degli investimenti sostenibili, specificando come la crescita dell’interesse verso la sostenibilità abbia portato il mercato dei green bond a superare la soglia dei mille miliardi a livello globale.

Quindi è stata la volta della tavola rotonda, cui hanno preso parte tre relatori di prim’ordine. Accanto al responsabile dei wealth advisor di Banca Generali Private nel Nordest, Leandro Bovo, sono intervenuti infatti il fondatore dell’azienda nutriceutica veneta Labomar, Walter Bertin, e il Sales Executive dell’asset manager svizzero Pictet, Christian Coletto.

È stato proprio Coletto a riprendere il discorso di Fracassi, evidenziando come oggi il mondo della finanza e dell’asset management sia alla ricerca di società sane e virtuose in cui investire per ricercare nuove fonti di rendimento legate alla sostenibilità da inserire nei portafogli degli investitori. Un argomento di grandissima attualità, soprattutto se si considera l’appello del Premier Draghi (“Se si riesce a coinvolgere i capitali privati nella lotta al cambiamento climatico, ci si accorge che non ci sono vincoli finanziari”) ai leader del mondo in occasione dell’apertura di Cop26.

Per questo oggi è sempre più importante che le aziende aprano il proprio business a nuove forme di investitori in grado di portare capitali freschi per lo sviluppo internazionale. Un percorso che Bertin ha intrapreso con la sua Labomar portandola in pochi anni a diventare una vera e propria eccellenza veneta tra le pmi italiane quotate, addirittura in grado di compiere operazioni di m&a all’estero.

Due mondi, quello degli investimenti e dell’impresa, che possono parlarsi solo se c’è un forte punto di contatto tra loro. Un punto di contatto che può essere rappresentato dal mondo della consulenza finanziaria.

“La pandemia ha accelerato un cambio di paradigma che stava già lentamente avvenendo nel mondo pre Covid. Oggi le imprese non possono più ignorare due aspetti. Il primo è quello della sostenibilità, intesa come sostenibilità del modello di business che rappresenta una discriminante importante per attirare nuovi capitali di sviluppo. Il secondo aspetto è la necessità di considerare l’azienda all’interno dell’intero patrimonio dell’imprenditore: occorre armonizzarlo integralmente, guardando non solo investimenti finanziari ma anche alle proprietà immobiliari, alla fiscalità e al passaggio generazionale” ha commentato Leandro Bovo a margine del convegno.

Alla serata hanno partecipato oltre 60 imprenditori del territorio di Mogliano Veneto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La sostenibilità in convegno a Mogliano

TrevisoToday è in caricamento