Modifiche al bando del Programma di Sviluppo Rurale del Veneto

La Giunta regionale ha formalizzato alcune lievi modifiche ed integrazioni al Bando generale di apertura termini del Programma di Sviluppo Rurale del Veneto approvato nel dicembre scorso

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

La Giunta regionale ha formalizzato alcune lievi modifiche ed integrazioni al Bando generale di apertura termini del Programma di Sviluppo Rurale del Veneto approvato nel dicembre scorso.

“Si tratta di correzioni – ha spiegato l’assessore all’agricoltura Franco Manzato – che riguardano refusi o precisazioni. Per esempio, per la misura 121 “Ammodernamento delle aziende agricole” si sono rese necessarie correzioni e precisazioni volte a chiarire e rettificare alcuni refusi ed incongruenze occorsi in fase di predisposizione del testo.

Viene inoltre proposta una rettifica della tabella che definisce gli elementi qualificanti del Piano aziendale in termini di significatività degli investimenti proposti, per la parte relativa agli investimenti connessi con le energie rinnovabili”.

“Per quanto riguarda la misura 311 azione 3, è scaduto il 31 dicembre 2011 il quadro temporaneo in vigore per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’accesso al finanziamento nell’attuale situazione di crisi. E’ stato pertanto precisato – ha spiegato Manzato – che rimane applicabile esclusivamente il regime “de minimis” agli investimenti che saranno oggetto di finanziamento. Si rende infine necessario correggere un refuso prevedendo di aggiungere, per la predisposizione della graduatoria, ai comuni delle aree rurali C anche i comuni inseriti nelle aree rurali D, già compresi nell’elenco relativo al bando della misura”.
 

Torna su
TrevisoToday è in caricamento