menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Arper" sostiene “Taking Care” e il Padiglione Italia alla Biennale Architettura

L'azienda di Monastier, nata nel 1989, produce e distribuisce in tutto il mondo sedute e tavoli di design. Claudio Feltrin: “Crediamo che le imprese abbiano una responsabilità sociale importante"

VENEZIA TAKING CARE, il tema del Padiglione Italia alla 15. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, curato da  TAMassociati (Massimo Lepore, Raul Pantaleo, Simone Sfriso) su incarico della Direzione generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane - DGAAP del MIBACT Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo in coerenza con “Reporting from the Front” del direttore della Biennale Architettura 2016 Alejandro Aravena, racconta un’architettura creata con le comunità.

Una visione fortemente sociale dell’architettura, quella dello studio veneziano TAMassociati, che si sviluppa nelle tre sezioni ‘Pensare’, ‘Incontrare’ e ‘Agire’: una ricognizione sul tema del bene comune, una rassegna dei più interessanti progetti in questo ambito e soprattutto un concreto invito all’azione. ‘Agire’, culmine della mostra, si traduce in un concreto invito all’azione. ‘Agire’ ospita infatti gli alias di cinque dispositivi mobili pensati per un intervento diretto in aree di marginalità italiane: moduli carrabili progettati da cinque studi italiani in collaborazione con altrettante associazioni umanitarie: AIB (Associazione Italiana Biblioteche), Emergency, Legambiente, Libera, UISP (Unione Italiana Sport per Tutti).

I dispositivi verranno costruiti con sponsor privati e una campagna di crowdfunding civico, che rimarrà attiva per tutta la durata della Biennale. Successivamente i dispositivi saranno messi su strada per diventare concreti strumenti di tutela e riscatto sociale e saranno operativi fino alla vigilia della prossima Biennale Architettura, nel 2018. In un progetto sociale che si proietta nel futuro, Arper ha avuto un ruolo determinante non solo per la realizzazione del dispositivo per Emergency che l’azienda ha interamente sostenuto, ma anche per la realizzazione della mostra stessa, come ha affermato Massimo Lepore di TAMassociati durante l’inaugurazione del Padiglione Italia.

Arper, azienda italiana nata nel 1989 che produce e distribuisce in tutto il mondo sedute e tavoli di design per la collettività, è oggi una realtà importante a livello globale, ambasciatrice di un pensiero evoluto e colto che privilegia scelte sostenibili, dai materiali alle lavorazioni, dall’ambiente all’attenzione per la persona. Come afferma Claudio Feltrin, Presidente di Arper: “Abbiamo scelto di sostenere questa iniziativa perché crediamo che le imprese abbiano una responsabilità sociale importante. Supportare il dispositivo di Emergency nelle attività di assistenza sanitaria e mediazione culturale che svolgerà sul territorio dà ad Arper la possibilità di contribuire con un gesto concreto al bene comune, sostenendo la sensibilizzazione verso il tema della salute, che rappresenta non solo un valore, ma un diritto fondamentale della nostra società.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Malore dopo la vaccinazione, 57enne ricoverato in ospedale

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento