Montebelluna e il Reddito di inclusione: in Comune già raccolte oltre 120 domande

Il sindaco Marzio Favero: “E’ doveroso ringraziare i dipendenti che lavorano nei servizi sociali perché le procedure, anche sul piano burocratico, risultano complesse e farraginose"

MONTEBELLUNA Spiega l’assessore ai servizi sociali, Antonio Romeo: “Le famiglie con un ISEE non superiore a 6 mila euro e ISR non superiore a 3 mila euro possono richiedere al proprio Comune di residenza il reddito di inclusione, meglio conosciuto come REI, erogato tramite Carta REI, una carta acquisti rilasciata da Poste Italiane dove verranno accreditati alla famiglia beneficiaria da 187,50 a 485,40 euro al mese per 18 mesi, prorogabili di ulteriori 12 mesi. Ricordo anche che il valore sociale del provvedimento sta il fatto di stimolare il cittadino ad aiutarsi con la presentazione del progetto personalizzato che permette di avere accesso al contributo”. Aggiunge il sindaco, Marzio Favero: “E’ doveroso ringraziare i dipendenti che lavorano nei servizi sociali perché le procedure, anche sul piano burocratico, risultano complesse e farraginose. Un peso che viene sopportato dai dipendenti pur di dare una risposta alle persone più in difficoltà, dimostrando grande efficienza da parte del Comune”.

Il reddito di inclusione REI 2018 è una realtà nel nostro Paese e dal 1° luglio 2018 si stima riguardi 2,5 milioni di Italiani. Si tratta di un contributo economico da 188 a 486 euro destinato alle famiglie con un ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) non superiore a 6 mila euro e ISRE (Indicatore Situazione Reddittuale Equivalente) non superiore a 3 mila euro che verrà erogato tramite una Carta REI, una carta acquisti rilasciata da Poste Italiane. Dal 1° luglio 2018 non sono più necessari i requisiti familiari che erano in vigore fino al 30 giugno 2018, non serve più avere in famiglia almeno un minore, un disabile, una donna in stato di gravidanza o un disoccupato over 55 per poter accedere al Rei. Importi REI 2018.

L’importo del reddito di inclusione dipende dalla scala di equivalenza (allegato 1 DPCM 159/2013). In ogni caso gli importi in base ai componenti del nucleo familiare avente i requisiti, è il seguente (dopo le modifiche della Legge di Bilancio 2018): 187,50 euro mensili e 2.250 euro annui in caso di un componente beneficiario; 294,38 euro mensili e 3.532,50 euro annui in caso di due componenti beneficiari; 382,50 euro mensili e 4.590 euro annui in caso di tre componenti beneficiari; 461,25 euro mensili e 5.535 euro annui in caso di quattro componenti beneficiari; 534,38 euro mensili e 6.412,50 euro annui in caso di cinque componenti beneficiari; 539,82 euro mensili e 6.477,80 euro annui in caso di sei o più componenti beneficiari.

Il REI 2018, erogato attraverso la “Carta REI” (una carta acquisti emessa da Poste Italiane Spa), è una misura unica a livello nazionale di contrasto alla povertà e all'esclusione sociale che è entrata in vigore dal 1° gennaio 2018. Per avere accesso al contributo si deve fare domanda al Comune. E' importante che le famiglie interessate sappiano che il riconoscimento del REI sarà condizionato alla sottoscrizione di un progetto personalizzato finalizzato all’inclusione sociale e lavorativa, un progetto che viene costruito in base alle specifiche esigenze del nucleo familiare ed a cui ciascun componente della famiglia deve attenersi. Le famiglie che non rispettano il progetto personalizzato o il programma di ricerca intensiva di occupazione, subiranno la decurtazione o decadenza dal REI 2018, quindi perdendo il diritto al contributo economico accreditato sulla Carta Rei.

La Carta REI consente l’acquisto dei generi alimentari previsti dal D. L. n. 112/2008 ma consentirà anche di effettuare prelievi di contante nel limite mensile della metà del beneficio massimo attribuibile. Entro quindici giorni dalla ricezione della domanda, il Comune trasmette i dati all’Inps, il quale, in caso di esito positivo dei controlli, riconosce la spettanza del Rei e ne dispone il versamento a favore del beneficiario. Il beneficio economico sarà erogato inizialmente per un massimo di 18 mesi. Oltre a tale periodo, la famiglia potrà aver diritto, trascorsi almeno 6 mesi da quando ne è cessato il godimento, ad un rinnovo del REI per ulteriori 12 mesi. In termini di requisiti, il reddito di inclusione è destinato alle famiglie che siano in possesso di specifici requisiti di residenza, soggiorno, nonché requisiti relativi la condizione economica del nucleo familiare del richiedente.

Presso la sede dei Servizi Sociali di “Casa Roncato” sono state raccolte ad oggi 125 domande: di cui 49 ammesse al contributo e 79 respinte. Per informazioni e appuntamenti per presentare domanda contattare la Segreteria dei Servizi Sociali presso “Casa Roncato” lunedì e venerdì ore 8.30-13.30 mercoledì 8.30-18.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

  • Covid, Zaia: «Treviso è in area critica per i ricoveri ospedalieri»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento