Economia

Novation Tech di Montebelluna: l'assessore Donazzan visita i due nuovi reparti

L'assessore regionale al lavoro, all’istruzione e alla formazione: “Bisogna orientare i giovani a un lavoro che c’è e che può dare grandi soddisfazioni”

La Novation Tech di Montebelluna è un’azienda che funziona e che cresce, che sta creando valore e nuovi posti di lavoro. Luca Businaro si è dimostrato un imprenditore capace e lungimirante: ha saputo accompagnare questa realtà a triplicare il proprio fatturato in soli 4 anni, raddoppiando la forza lavoro con l’assunzione di 180 nuovi dipendenti. Una crescita che guarda al territorio, e che passa dal rafforzamento di una filiera corta che la pandemia ci ha insegnato ad apprezzare sempre più, per metterci al riparo dalle fibrillazioni dei mercati e da ciò che accade nel mondo”.

Così l’Assessore Regionale al Lavoro, all’Istruzione e alla Formazione del Veneto, Elena Donazzan, è intervenuta venerdì mattina, in rappresentanza della Regione del Veneto e del Presidente Luca Zaia, all’inaugurazione di due nuovi reparti produttivi alla Novation Tech di Montebelluna, azienda nata nel campo dello sport system e divenuta ben presto leader nella produzione di materiali e componentistica in fibra di carbonio per l’automotive e altri svariati settori. Ad accogliere l’Assessore Claus Henrik Stenbaek, Presidente del CDA di Novation Tech, e l’imprenditore Luca Businaro, Amministratore Delegato dell’azienda montebellunese: presenti anche la Vicepresidente di Confindustria nazionale, Maria Cristina Piovesana, ed il Presidente della Camera di Commercio di Treviso e Belluno, Mario Pozza.

Il primo reparto inaugurato è stato una 3D-farm realizzata in collaborazione con l’azienda trevigiana 3DZ. Si tratta di uno dei più grandi ed innovativi laboratori industriali di stampa 3D che, grazie alla combinazione di stampanti differenti per dimensioni e caratteristiche, consentirà alla Novation Tech di ridurre i tempi di produzione di alcune componentistiche plastiche per automotive da 6 settimane a 3 giorni. Il secondo reparto, realizzato grazie ad una collaborazione con la padovana Blowtherm, consentirà la verniciatura ecosostenibile di componentistica in fibra di carbonio con zero emissioni in atmosfera di prodotti chimici e solventi dannosi per l’uomo e per l’ambiente. “Trovo particolarmente significativo che, anche per questi importanti lavori di potenziamento del sito produttivo di Montebelluna, la Novation Tech abbia scelto di puntare tutto su partnership con aziende del nostro territorio - ha affermato l’Assessore Donazzan - non bastasse, la nuova strumentazione di stampa 3D servirà anche le necessità del locale distretto produttivo, a beneficio di tante piccole e medie che per non potrebbero accedere a questa tecnologia per l’alto costo dei macchinari”.

“Quest’azienda – ha concluso l’assessore Donazzan - cerca oggi nuovi dipendenti da inserire in questi due reparti per portarli al più presto a regime produttivo, 25 per la sola sala di verniciatura che da settembre dovrà poter operare su due turni giornalieri: stiamo parlando di manodopera specializzata, al momento difficile da reperire nel mercato del lavoro. Lavorare in fabbrica oggi, e lo si è visto anche stamattina, significa molto spesso lavorare nel bello, disponendo di tecnologie avanzate e con all’orizzonte grandi possibilità di crescita personale. Per questo è importante continuare a promuovere un corretto orientamento dei nostri giovani, per accompagnarli ad un lavoro che c’è e che può dar loro grandi soddisfazioni: un impegno che vede già da anni la Novation Tech al fianco delle migliori scuole del territorio e delle ITS-Academy della nostra regione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novation Tech di Montebelluna: l'assessore Donazzan visita i due nuovi reparti

TrevisoToday è in caricamento