Economia

Le partecipate trevigiane destinano 300 mila euro all'acquisto di strumentazione medica

Questo quanto deciso dai vertici di Alto Trevigiano Servizi, Contarina, Piave Servizi, Savno, Asco TLC, Ascopiave e Ascholding

“Le società pubbliche e partecipate scendono in campo per sostenere il territorio trevigiano in questa fase di grave emergenza, assumendosi in pieno la responsabilità che deriva dall'essere al servizio dei cittadini ed espressione della collettività trevigiana”. E' il messaggio firmato dai vertici di Alto Trevigiano Servizi, Contarina, Piave Servizi, Savno, Asco TLC, Ascopiave e Ascholding che oggi hanno annunciato di aver aderito alla campagna di raccolta di fondi promossa dalla Regione Veneto, destinando 300mila euro. “Queste risorse – precisano le società – saranno destinate all'acquisto della strumentazione medica necessaria agli ospedali della Marca per erogare al meglio tutte le cure che si rendono necessarie nelle situazioni di particolarità gravita che coinvolgono malati di Covid-19”.

“Viviamo una fase di emergenza senza precedenti in cui tutti gli interpreti del territorio hanno il dovere di agire in prima persona  per favorire le iniziative di natura sanitaria, sapendo che le conseguenze dell'epidemia rischiano anche, con le loro ripercussioni  sul piano economico, di deteriorare la coesione sociale nel territorio. Oggi le società pubbliche e partecipate dal pubblico, e quindi  espressione della cittadinanza, sono le prime a doversi assumere il ruolo di contribuire in maniera fattiva in favore delle nostre comunità. La decisione assunta collettivamente di aderire alla raccolta fondi promossa dalla Regione Veneto è un primo passo che segna l'inizio di una stagione di impegno concreto collettivo”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le partecipate trevigiane destinano 300 mila euro all'acquisto di strumentazione medica

TrevisoToday è in caricamento