menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maiscoltura, il Consorzio Agrario: nel 2013 perso un terzo della produzione

E' il bilancio fatto dall'ente durante l'opern day di sabato 9 novembre a Castagnole. Il presidente Fulvio Brunetta: "Andamento climatico anomalo, ma l’agricoltura non si ferma"

In occasione di San Martino e dell'open day organizzato a Castagnole, il Consorzio Agrario di Treviso e Belluno traccia un primo bilancio sull’annata in via di conclusione.

Un'annata senz'altro anomala dal punto di vista climatico, che ha avuto conseguenze negative sulle rese di cereali, piante oleaginose e viticoltura, sia qualitativamente che quantitativamente.

A soffrire di più sono stati mais e soia. la prima ha visto una riduzione di circa il 20% del seminato, anche a causa della proliferazione di un fungo del genere Aspergillus, con una perdita produttiva stimata del 30% ad ettaro. La soia, a dispetto dell'aumento del 30% del seminato ha conosciuto una diminuzione della produzione media del 20% per ettaro.

Non esultano nemmeno le aziende vinicole, che a causa delle precipitazioni della stagione primaverile hanno registrato un calo del 20% degli impianti dei vigneti, con ripercussioni sulla produzione dei prossimi tre anni.

Ma il Consorzio non si demoralizza e punta su innovazione tecnologica e razionalizzazione dei costi di produzione, mettendo a disposizione degli agricoltori una rete di antenne satellitari che permettono di regolare con la massima precisione le attività in campo dei mezzi agricoli. Un sistema che, a fronte di un investimento complessivo di circa 50 mila euro, permette di dare in tempo reale la posizione al mezzo agricolo e di mantenerla nel tempo con uno scarto di 2,5 cm, automatizzando e regolando con la massima precisione i processi di concimazione, semina, trattamento con fitofarmaci e irrigazione, e garantendo un risparmio dei fattori di produzione stimato intorno al 25%.

"Il 2013 è stato l’annus horribilis dell’agricoltura - commenta il presidente del Consorzio Agrario di Treviso e Belluno, Fulvio Brunetta - Molti maiscoltori stanno ancora raccogliendo, a dimostrazione di come quest’annata sia davvero un caso unico. È il segnale che vi sono dei cambiamenti climatici in atto, ma l’agricoltura non si ferma, continua a investire e deve farlo con coscienza delle tecniche e degli strumenti che la tecnologia mette a disposizione".

"Gli andamenti climatici sfavorevoli ci obbligano a programmare il lavoro in termini di razionalizzazione dei processi produttivi e contenimento dei costi - spiega il direttore del Consorzio, Piero Carniato - L’acqua è un bene sempre più prezioso e tecniche di agricoltura di precisione, come l’irrigazione a goccia, consentono di operare senza perdite di tempo, senza sprechi e in condizioni estreme, ottimizzando l’uso della risorsa e garantendo allo stesso tempo efficacia nella produzione e nella tutela dell’ambiente".

"Il Consorzio Agrario è oggi in grado di fornire soluzioni per pressoché tutte le esigenze di agricoltura di precisione che possono nascere dai clienti – conclude Fulvio Brunetta – ottimizzando i processi perseguiamo l’obiettivo sia di migliorare la qualità e il livello delle produzioni, sia di supportare gli agricoltori in quel ruolo fondamentale che essi svolgono di tutela dell’ambiente".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

social

Domenica 11 aprile: accadde oggi, santo del giorno, oroscopo

Salute

A Monastier il nuovo hub vaccinale anti-Covid per le aziende venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento