Nasce Zoona.it, la piattaforma per aiutare i negozianti di Treviso

Un portale e-Commerce renderà più semplice e gestibile la consegna a domicilio. Sabrina Giusti, titolare dell'agenzia Cricket Adv: «Il Covid-19 ha creato un’opportunità che abbiamo colto per il territorio, in vista anche del futuro»

Zooma aiuterà i negozianti trevigiani per la consegna a domicilio

Il delicato periodo storico che stiamo vivendo ha evidenziato in modo indiscutibile la necessità di una presenza online da parte delle attività commerciali e le  restrizioni alla mobilità e le norme per la sicurezza in vigore hanno allungato sempre più la distanza tra cliente e negoziante, portando a una crescente necessità, da entrambe le parti, di poter usufruire del servizio di consegna a domicilio.

Questo però non sempre risulta possibile e nella maggior parte dei casi richiede tempi di gestione rilevanti da parte degli esercenti. Dall’altro lato la necessità dell’utilizzo del telefono e la mancanza di un listino costantemente aggiornato, può creare problemi ai consumatori.

Zoona.it, promosso dall’agenzia di comunicazione Cricket Adv con il sostegno di BCC Pordenonese e Monsile, vuole far fronte a questo bisogno, riavvicinando le persone al commercio al dettaglio e sostenendo i negozi di vicinato.

La piattaforma digitale permette ai negozi di Treviso e provincia di aprire, senza difficoltà e con limitati costi di gestione, il proprio e-commerce. Una “vetrina virtuale” dove essere sempre presenti, in modo semplice, immediato e automatizzato. I vantaggi riguardano chiaramente anche il cliente. I consumatori potranno acquistare velocemente dal proprio negozio di fiducia, scegliendo il metodo di pagamento preferito: direttamente online (tramite carta di credito, PayPal e Satispay) oppure alla consegna, in contanti.

 «Ho voluto creare Zoona - spiega Sabrina Giusti, titolare dell'Agenzia Cricket Adv - per portare il digitale dove sino a poco tempo fa forse era impensabile arrivare. I negozi tradizionali esistono da molto più tempo rispetto agli eCommerce e Zoona vuole essere un supporto ai commercianti, mettendoli nelle condizioni di vendere online in completa autonomia, senza doversi affidare a terzi. Ognuno avrà il proprio negozio online e dovrà adattare le dinamiche della vendita retail nei negozi fisici all’eCommerce. Questa potrebbe essere una mossa vincente per estendere il proprio business. Il Covid-19 ha creato un’opportunità che abbiamo colto per il territorio, in vista anche del futuro. Zoona ha progetti di espansione in tutto il Nord-Est e Nord-Ovest, oltre a una serie di futures che verranno messe in atto da subito, come il lancio di una APP dedicata e varie tipologie di pagamento tra le quali Satispay».

Il Direttore Generale di BCC Pordenonese e Monsile Gianfranco Pilosio ha sottolineato che «in un momento di difficoltà per tutto il settore imprenditoriale e in particolar modo del commercio, abbiamo voluto lanciare un segnale importante, supportando un’iniziativa pensata e realizzata per la piccola distribuzione, uno dei settori che ha maggiormente risentito delle misure imposte dal lockdownÈ importante ripartire dagli alimentari, dalle botteghe e dai punti vendita di quartiere che ancora oggi costituiscono un nucleo fondamentale soprattutto nei piccoli e medi comuni italiani. Grazie a questa piattaforma i cittadini potranno ordinare la spesa comodamente da casa e i commercianti avranno a disposizione uno strumento utile e pratico, che siamo sicuri li aiuterà ad aprire nuovi canali e opportunità per la vendita a distanza»

Visto il momento delicato, l’ingresso nella piattaforma in questo periodo è gratuito, per dare sostegno a tutte le attività che si sono trovate in difficoltà a causa dell’emergenza COVID-19.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • A Monastier il primo punto tamponi privato: «Accesso senza prenotazione»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento