menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
"Osceno" di Piccin

"Osceno" di Piccin

Al trevigiano Piccin il premio “Maker of merit” della Maker Faire

Il 38enne fabber gestisce con Gloria Spagnolo il FabLab Castelfranco Veneto promosso da CNA che sarà inaugurato a fine novembre

CASTELFRANCO VENETO Mirco Piccin, che con Gloria Spagnolo gestisce il neonato FabLab Castelfranco Veneto promosso dalla CNA, è stato insignito del riconoscimento “Maker of merit” dalla Maker Faire Roma, conclusasi domenica, a cui partecipava come FabLab insieme al Treviso Arduino User Group.

Il 38enne trevigiano ha ricevuto il “nastro blu” da Alessandro Rannellucci, uno dei fondatori del movimento dei makers in Italia, creatore di Slic3r, il software open source più usato al mondo, e dal 2013 tra gli organizzatore della Maker Faire Rome. Il “Maker of merit” è un riconoscimento importante nel mondo dei makers che qualifica ulteriormente anche il progetto di FabLab Castelfranco Veneto, promosso da CNA, gestito da Xuni (la società di consulenza di soluzioni open source) finanziato dalla Regione Veneto, e forte di decine di partnership territoriali, tra scuole e comuni. L’innovativo FabLab Castelfranco Veneto, uno dei pochissimi avviati nella Marca Trevigiana, ha sede in un capannone nella zona industriale di Salvatronda, in via Sile 24 e sarà inaugurato a fine novembre Stanno arrivando in questi giorni macchinari per la dotazione tecnica e tecnologica del laboratorio e sono in corso gli allestimenti con materiali di recupero da lavorazioni industriali, un progetto dedicato al FabLab, a cura di Officina GISTO.

Ma torniamo al premio a Mirco Piccin. La Maker Faire Rome premia le idee, quindi il riconoscimento è andato allo stand e alle installazioni realizzate dai fabber trevigiani. Per esporre in fiera, infatti, bisogna ricevere il nulla osta dal comitato scientifico che seleziona i progetti più interessanti. Le tre installazioni di Piccin considerate tra le migliori della Maker Faire Rome 2015 sono Choc-o-mat, Colorize e Osceno, e sono tutte proposte didattiche per avvicinare i bambini e i ragazzi al mondo delle soluzioni open source, della prototipazione elettronica (in particolare attraverso Arduino/Genuino) e dell’artigianato 2.0.

  • Choc-o-mat è una stampante 3D che stampa cuori, cerchi e stelle di cioccolato bianco o nero su fette di pane. I bambini, attraverso un’interfaccia molto amichevole, possono scegliere in autonomia quale forma e quale tipo di cioccolato, avvicinare la fetta di pane e la stampante eroga creme da leccarsi i baffi.
  • Colorize è un gioco didattico sempre per bambini che dimostra come la scheda per la prototipazione elettronica open source Arduino/Genuino può interagire con la luce. Realizzata con tutti i circuiti a vista, è composta da un pannello e da tre antenne realizzate con inchiostro conduttivo: avvicinando o allontanando le mani, una lampada si illumina di colori diversi e con diverse intensità.
  • Osceno è, infine, un prototipo per gestire la gradazione delle luci di casa con lo smartphone tramite un modulo wifi molto economico.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Attualità

Malore dopo la vaccinazione, 57enne ricoverato in ospedale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento