Crisi Stefanel, il sindacato chiede la convocazione di un incontro al Mise

Si è chiusa la gara pubblica per la vendita degli asset Stefanel. Due le offerte arrivate: una per la sola Stefanel spa e una per entrambi gli asset (Stefanel spa e la partecipata Interfashion)

Si è svolta il 29 settembre l'assemblea sindacale dei lavoratori della Stefanel spa in amministrazione straordinaria di Ponte di Piave. Dall'incontro è emersa una forte preoccupazione da parte delle Rsu e dei lavoratori per il proprio futuro occupazionale e per la prospettiva aziendale. Con l'apertura delle buste il 14 settembre, si è infatti chiusa la gara pubblica per la vendita degli asset Stefanel. Le sole notizie emerse dall’interlocuzione con il Commissario dell’Amministrazione Straordinaria, avvocato Raffaele Cappiello, riguardano le due offerte arrivate: una per la sola Stefanel spa e una per entrambi gli asset (Stefanel spa e la partecipata Interfashion). Sono in corso le valutazioni di congruità. È necessario, come più volte sollecitato dalla Cgil, un incontro in tempi brevi presso il Ministero dello Sviluppo Economico per avere ulteriori notizie sullo stato della procedura.

«In quella sede - dichiara Christian Ianicelli, della Filctem Cgil di Treviso - ribadiremo l’importanza strategica non solo per il territorio di Treviso, ma per tutto il Veneto e l'intero Paese, di una realtà produttiva come quella di Stefanel. Vogliamo che siano tutelati l’occupazione e il marchio storico che a nostro avviso deve avere ancora un futuro».

«Preoccupano inoltre - aggiunge Margherita Grigolato, della Filcams Cgil Veneto - le parole del Commissario Cappiello sulla riduzione della liquidità. Riteniamo che per contribuire ad affrontare questo problema debbano riprendere le aperture, seppur temporanee e limitate, dei punti vendita, che avrebbero anche l'effetto positivo di non perdere la clientela storica. I negozi chiusi, inevitabilmente, danno un'immagine negativa, di abbandono della rete di vendita».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La richiesta di una convocazione urgente al Ministero dello Sviluppo economico - conclude Tiziana Basso, della segreteria confederale Cgil Veneto - è stata condivisa con l’Unita di Crisi della Regione Veneto, che da giorni sta interloquendo con il Mise per affrontare una crisi aziendale che non può sfociare nell’ennesima perdita occupazionale per il nostro territorio e per l'Italia. Non possiamo permetterci la svendita di un marchio storico del tessile, che comporterebbe la dispersione di grandi professionalità cresciute in questi anni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • La fortuna bacia un trevigiano: vinti 300 mila euro al "Miliardario"

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Questo è il periodo della zucca: 4 ricette tipiche buonissime

  • Zaia, nuova ordinanza per le scuole superiori: «Didattica digitale al 75%»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento