Poste Italiane rinnova la tradizione delle letterine a Babbo Natale

Sono già quarantamila le letterine scritte dai bambini. Quest'anno Poste Italiane ha lanciato anche un'iniziativa per premiare i piccoli scrittori

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Anche quest'anno grande lavoro per i "postini" di Babbo Natale che hanno già raccolto più di 40.000 letterine scritte dai bambini per esprimere speranze, desideri e l'auspicio di serenità per le famiglie.

Con questa tradizionale iniziativa Poste Italiane vuole promuove il piacere della scrittura e la gioia di ricevere un messaggio da un personaggio tanto amato come Babbo Natale. Il fascino e il mistero di una tradizione antica si rinnova così ogni anno grazie al crescente entusiasmo dei più piccoli: dalle 40.000 letterine inviate nel 1999, anno della prima edizione dell'iniziativa, alle 140.000 letterine spedite nel 2012.

Quest'anno tutti i bambini che hanno spedito una letterina riceveranno dai "postini di Babbo Natale" una busta con un piccolo dono e una cartolina con le istruzioni per partecipare a un gioco. Babbo Natale sta infatti cercando degli assistenti elfi: basterà scaricare la nuova app "Cercasi Elfo" (gratuita, da Google Play o da AppStore), scattare una foto con la cartolina contenuta nella busta posizionata sul petto e, per incanto, ogni bambino verrà trasformato in un vero e proprio elfo con un effetto estremamente realistico. La foto potrà essere salvata e condivisa sui social network per giocare con tutti gli altri assistenti nel frattempo ingaggiati da Santa Claus. Inoltre, sul minisito dedicato www.poste.it/letterinedibabbonatale, i bambini potranno divertirsi con il gioco "Apprendista Elfo" ed aiutare Babbo Natale a sistemare nei sacchi tutti i regali da consegnare.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento