Imprese: il Premio Pinocchio 2017 va a Gribaudi, amministratrice unica di Keyline

Nella cerimonia di Firenze all’imprenditrice è stato attribuito il premio Mastro Geppetto (in ricordo di Collodi) per la sezione artigianato, impresa e commercio

Maria Cristina Gribaudi alla premiazione

CONEGLIANO Mariacristina Gribaudi, amministratrice unica di Keyline SpA, ha ricevuto venerdì, nella basilica di San Lorenzo a Firenze, il “Premio Pinocchio di Carlo Lorenzini 2017”. All’imprenditrice è stato attribuito il premio Mastro Geppetto per la sezione artigianato, impresa e commercio. Questa la motivazione: “Imprenditrice veneta. Amministratrice unica della Impresa Storica Keyline Spa, membro CDA di HFarm, azienda rivolta agli startup della giovane imprenditoria. Presidente della Fondazione Musei Civici di Venezia realizza la piattaforma di Venezia Città delle Donne. Considera importante il binomio cultura e impresa creando eventi come 'Cultura in fabbrica' e il Museo in ditta”. 

Quest’anno tra i premiati del prestigioso riconoscimento, voluto per commemorare la figura di Collodi, il padre letterario del burattino più famoso al mondo, le personalità che nel 2017 si sono distinte per eccellenza, nell’imprenditoria, arte, cultura, sport, mecenatismo, professionalità, solidarietà e umanità. L’onorificenza è, infatti, consegnata a coloro che durante l’anno si sono distinti in vari settori, ciascuno individuato con un personaggio della fiaba “Le Avventure di Pinocchio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Gli scherzi del destino: io sono molto affezionata alla storia del burattino da quando bambina – ricorda Gribaudi – ascoltavo mio padre che mi cantava la canzone di Pinocchio. Ricevere questo riconoscimento è per me stato un ritorno alla radice: se oggi sono quella che sono lo devo a chi mi ha educato alla semplicità, al sacrificio, alla capacità di mettermi sempre in discussione. A chi, mio padre, mi ha insegnato ad ascoltare il silenzio della fabbrica, quel silenzio da cui ancora oggi traggo ispirazione per il lavoro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

  • Lutto per lo scoutismo trevigiano: malore improvviso stronca Mario Favaretto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento