rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Economia

Premio start up "Luciano Miotto", proclamati i vincitori dell'edizione record

Record assoluto di candidature: 76 provenienti da tutta Italia, di cui circa 30 dal Veneto. 43 i progetti imprenditoriali e 33 le startup innovative che hanno preso parte a questa edizione, la più partecipata di sempre. La startup innovativa di Treviso “Securesì” conquista la medaglia di bronzo

Record di candidature, provenienti da tutta Italia, per il “Premio Start Up d’Impresa Luciano Miotto”, iniziativa ideata da t2i - Trasferimento Tecnologico e Innovazione, società consortile partecipata dalle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, di Verona e di Venezia-Rovigo, nata con l’obiettivo di promuovere la digitalizzazione e l’innovazione italiana, incoraggiando la connessione tra startup, centri di ricerca e imprese.

Sostenuta da Imesa Spa, con la partnership tecnica del Sistema Invitalia e di Confindustria Veneto Est, l’edizione 2022-2023 è stata la più partecipata di sempre, registrando ben 76 candidature provenienti dall’intero territorio nazionale (circa 30 dal Veneto), di cui 43 progetti imprenditoriali e 33 startup innovative, riguardanti diversi ambiti di business e innovazioni tecnologico-digitali, di prodotto e di mercato, con riferimento a molteplici settori, tra cui: hi-tech&Digital (come ad esempio soluzioni fondate su tecnologia BlockChain), turismo e digitalizzazione, innovazione sociale, health e biotecnologie.

Proclamati da Alessia Miotto, vicepresidente di Imesa Spa e figlia di Luciano Miotto, imprenditore visionario prematuramente scomparso nell’estate del 2018, a cui è intitolato il Premio, i vincitori sono stati annunciati ieri pomeriggio, in occasione del webinar “Finanziare la crescita e l’innovazione delle start up”, introdotto dal Presidente della Camera di Commercio di Treviso - Belluno|Dolomiti e di Unioncamere del Veneto Mario Pozza.

«Questo premio è per noi tutti – evidenzia il Presidente della Camera di Commercio di Treviso - Belluno|Dolomiti Mario Pozza - un momento significativo per dare continuità con il ricordo alla figura di Luciano Miotto. Il ringraziamento va alla figlia Alessia che perpetua, anche con un premio in denaro per una startup, l’idea d’innovazione e ricerca continua così cara a Luciano e che ha reso, con il fratello Carlo, Imesa azienda leader del sistema imprenditoriale trevigiano. Questo atteggiamento volto all’innovazione continua è sì il futuro per le nostre imprese, ma è soprattutto il presente per rimanere competitive e affrontare con successo le sfide imminenti e incessanti che si stanno presentando».

A vincere la competizione è stata “Live Information System” (Ancona), spinoff dell’Università Politecnica delle Marche, che ha presentato un progetto di software multi-piattaforma, connesso a dispositivi IoT e sensori e basato sull’utilizzo di algoritmi e modelli legati alla metodologia BIM (Building Information Modeling), volti a trasformare gli edifici in strutture intelligenti e sostenibili. Il team si è così aggiudicato un premio in denaro del valore di 5.000 euro e un contratto di un anno di incubazione domiciliare gratuita presso l’Incubatore Certificato t2i.

A conquistare il secondo posto “Inxense” (Brescia), che ha presentato un progetto finalizzato a rendere gli oggetti intelligenti, tramite l’applicazione di sensori e circuiti in grado di percepire le grandezze naturali circostanti, elaborare dati e condividerli con altri oggetti e server. Sul terzo gradino del podio la startup innovativa “Securesì” (Treviso), impegnata nella realizzazione di progetti di prototipazione e industrializzazione di prodotti in diversi settori merceologici, che utilizzano sistemi elettronici per ridurre i rischi connessi alla salute. Ai due progetti sono quindi andati rispettivamente due premi in denaro (2.500 per Inxense e 1.000 euro per Securesì), entrambi associati a un incontro dedicato alla valutazione dei fabbisogni, digitalizzazione e allo sviluppo/review del modello di business. 

Le tre candidature finaliste si sono aggiudicate inoltre un servizio di orientamento e accompagnamento offerto dal Sistema Invitalia, per presentare domanda di finanziamento per gli incentivi gestiti dall’Agenzia. «Quest’anno il Premio Startup d’Impresa ha registrato un’adesione senza precedenti, raccogliendo un significativo numero di progetti e nuove idee di business provenienti da tutta Italia - afferma il direttore generale di t2i Roberto Santolamazza. Non solo è aumentato il numero delle candidature ma sono cresciuti anche il valore, la qualità dei progetti e la copertura dei settori interessati: un successo dovuto anche al prezioso supporto del Sistema Invitalia, partner tecnico di questa edizione».

Il team Live Information System

Di seguito il riepilogo dei 3 team finalisti:

PRIMO CLASSIFICATO: LIVE INFORMATION SYSTEM SRL (ANCONA)

Team: Gian Marco Revel, Marco Arnesano, Rifat Seferi, Luigi La Sala, Abdelouahed Bihi, Ledian Goxhabelli, Iris Agalliu.

SECONDO CLASSIFICATO: INXENSE SRL (BRESCIA)

Team: Emilio Sardini, Nicola Francesco Lopomo, Edoardo Cantù, Paolo Bellitti.

TERZO CLASSIFICATO: SECURESÌ SRL (TREVISO)

Team: Sisto Girardi, Nicola Facco, Gianni Guarisa, Daniele Cortolezzis, Claudia Ogriseg.

Edoardo Cantù

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio start up "Luciano Miotto", proclamati i vincitori dell'edizione record

TrevisoToday è in caricamento