Prosecco, l'azienda Bortolomiol festeggia 70 anni di attività

Traguardo importante per l'azienda di Valdobbiadene festeggiata anche dal Governatore del Veneto, Luca Zaia. «Colline patrimonio Unesco anche grazie al lavoro di quest'azienda»

«Se oggi le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene sono Patrimonio dell’Umanità Unesco e sono conosciute in tutto il mondo per la loro realtà paesaggistica strettamente legata al lavoro dell’uomo, è certamente merito di viticoltori che ci hanno creduto ed hanno dato tutto a queste terre quando nessuno ci pensava o vedeva solo le difficoltà. Tra questi c’è sicuramente Giuliano Bortolomiol che nel 1949 iniziò l’avventura produttiva della sua azienda vinicola, avviando una moderna storia imprenditoriale proprio sulle colline dove i suoi antenati lavoravano le vigne già nel 1700».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con queste parole il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha ringraziato le sorelle Bortolomiol che oggi gli hanno presentato la prima di una serie limitata di 8000 bottiglie, realizzata per in occasione dei settant’anni della storica azienda di Valdobbiadene (Treviso). Il simbolo dell’importante tappa di una storia aziendale e familiare ma anche un richiamo ai valori che sono caratteristica di tutto il territorio. Il prosecco scelto per l’anniversario è un Rive, un brut molto secco. La scelta di un cru della Docg Conegliano e Valdobbiadene per la bottiglia commemorativa, rappresenta e riassume la storia stessa della cantina ed il lavoro svolto per mezzo secolo, fino agli anni Duemila, dal fondatore. Quando Giuliano Bortolomiol fondò l’azienda nel 1949, infatti, fu tra i viticoltori che da subito puntarono e investirono sul ‘Prosecco superiore’, cogliendone sia le rivoluzionarie capacità enologiche sia le potenzialità identitarie per il territorio. La sua eredità è stata raccolta dalle figlie Maria Elena, Elvira, Luisa e Giuliana che oggi ne proseguono il lavoro a fianco della madre Ottavia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento