Consorzio prosecco Docg, Isidoro Rebuli: «Basta polemiche, si riparta dallo Statuto»

La querelle sulla riconferma di Nardi alla guida. Uno dei principali produttori invita alla pace: «Un’equa rappresentatività all’interno del Consorzio non può che garantire il bene del territorio»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Il buonsenso impone di gettare acqua sul fuoco: lo richiede la gravità della situazione, lo suggerisce un diffuso senso di opportunità e lo auspicano la gran parte di coloro che lavorano sul e per il territorio. La Strada del Prosecco e Vini dei colli Conegliano Valdobbiadene, lungi dal voler entrare nel merito della contesa in atto nel Consorzio di Tutela e dal prendere le parti degli attori in scena, desidera rammentare che il territorio ed il suo prodotto sono legati a doppio filo, si alimentano reciprocamente, e iI turismo che generano è frutto di un raffinato e strutturato meccanismo di promozione, che va a vantaggio, o a discapito, di tutti. «E’ per questo - esordisce Isidoro Rebuli - che le parole d’ordine devono tornare ad essere tutela e salvaguardia dell’ambiente, valorizzazione dei rapporti e collaborazione estesa. I nostri duecento soci, che operano nell’ambito enologico, vitivinicolo, ricettivo e della ristorazione, richiedono a gran voce la fine delle ostilità, ma con altrettanta determinazione desiderano che sia garantita all’interno del Consorzio la rappresentatività e la legalità».

La Strada, per tradizione e per conformazione, aggrega ed eleva soggetti diversi, conferendo uguale dignità a ciascuno, in nome di un generale bene comune che pone il territorio sopra a tutto. Nell’ultimo anno il riconoscimento UNESCO ha imposto un ulteriore sforzo; è per non vanificare il lavoro di molti che oggi questo organismo invita ad innalzare il vertice ottico e auspica un repentino e responsabile abbassamento dei toni. La Strada, con il suo bagaglio storico e con il suo carico reputazionale, in questa delicata fase caldeggia un investimento responsabile sul futuro, tenendo a fuoco il benessere del territorio, considerato nella sua complessa totalità. Chi lo vive e ci lavora deve poter avere peso specifico e voce. La Strada, la più antica d’Italia, ha nella promozione turistica la sua mission:

«Nonostante il lockdown - prosegue il presidente - rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso abbiamo registrato un incremento dei flussi del 15%. Merito certamente del volano UNESCO, combinato però alla comprovata propensione all’accoglienza dei nostri operatori». Una terra e il suo vino. Un rapporto stretto e inscindibile, in cui si innesta un turismo, non solo enologico, attento alla natura e alle tradizioni, alla storia e all’arte. Food, sport e relax completano il quadro delle esperienze, che i prossimi 9 e 10 ottobre culmineranno nella 100 Miglia. «E’ un invito a imboccare la strada giusta – conclude fuor di metafora il presidente Rebuli - Un’equa rappresentatività all’interno del Consorzio non può che garantire il bene del territorio. La Strada dal canto suo continuerà a lavorare per proporre un’offerta turistica integrata, per la valorizzazione del territorio in senso turistico, per le promozioni vitivinicole, lo sviluppo economico, e la valorizzazione delle attrattive naturalistiche e ambientali».

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento