menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine della premiazione 105 del Premio Campiello

Un'immagine della premiazione 105 del Premio Campiello

Il Prosecco Superiore sposa la letteratura: il vino trevigiano partner del Premio Campiello

Il Consorzio Tutela del Vino Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore è partner del prestigioso premio letterario promosso da Confindustria Veneto. Il vincitore stapperà una jeroboam dello spumante italiano presente in più di 80 Paesi

PIEVE DI SOLIGO Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore sarà la bollicina ufficiale dell'edizione 2016 del prestigioso Premio Campiello. Grazie alla partnership avviata con il Consorzio di Tutela, il Prosecco Superiore sarà nei calici delle serate conclusive del prestigioso premio letterario promosso da Confindustria Veneto e del Campiello Giovani.

Il Consorzio ha scelto di essere ancora una volta parte di questo evento per rimarcare il suo impegno nella valorizzazione dell’arte e della cultura in tutte le sue forme. Simona Vinci con “La prima verità” (Einaudi), Elisabetta Rasy “Le regole del fuoco” (Rizzoli), Alessandro Bertante con “Gli ultimi ragazzi del secolo” (Giunti), Luca Doninelli con “Le cose semplici” (Bompiani), Andrea Tarabbia con “Il giardino delle mosche” (Ponte alle Grazie) sono i finalisti della 54^ edizione del Premio Campiello che brinderanno con lo spumante che nasce sulle colline tra Conegliano Valdobbiadene, oggi candidate a Patrimonio Unesco. In particolare sabato 10 settembre al Teatro La Fenice di Venezia sarà proclamato il vincitore, scelto dalla Giuria dei Trecento Lettori anonimi, al quale sarà consegnata una jeroboam con l’etichetta ufficiale del Consorzio di Tutela.

Giovedì 8 settembre, in occasione della cerimonia di presentazione dei finalisti del Premio Campiello Giovani presso palazzo Ducale, due eccellenti studenti della Scuola Enologica di Conegliano - la più antica scuola dell’enologia italiana che quest’anno celebra i 140 anni - presenteranno al pubblico partecipante la Denominazione offrendo un brindisi in collaborazione con il Consorzio di Tutela. “In questi anni abbiamo investito in alcune iniziative nel campo artistico e letterario perché desideriamo fare conoscere il nostro vino come espressione dell’arte italiana di fare bollicine. Un’arte che nasce da un territorio straordinario, oggi candidato a Patrimonio Unesco”, afferma il presidente del Consorzio Tutela Conegliano Valdobbiadene, Innocente Nardi.

Agli appuntamenti del Premio Campiello saranno presenti i vini delle aziende: Andreola, Biancavigna, Bisol, Carpenè Malvolti, Col Vetoraz, Frozza, La Casa Vecchia, Le Bertole, Le Manzane, Lucchetta, Rebuli, Santa Margherita, Valdellovo, Valdo, Val d’Oca, Zardetto. Il Premio Campiello, istituito nel 1962 dagli Industriali del Veneto, si è affermato ai vertici delle competizioni letterarie italiane, segnalando all’attenzione del grande pubblico numerosi autori e romanzi entrati a far parte della storia della letteratura italiana. Ed è proprio per questo suo elevato valore culturale che il Consorzio di Tutela ha voluto rinnovare la sua collaborazione, portando le bollicine del Prosecco Superiore nei momenti più importanti della 54^ edizione. Un settembre davvero ?tto di appuntamenti per il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore, che lo vede protagonista anche il sabato successivo, 17 settembre, grazie alla collaborazione con Pordenone Legge, manifestazione di successo, celebre ormai a livello nazionale, dove si brinderà in occasione dell'incontro "Dimmi come comunichi e ti dirò chi sei", con Ilvo Diamanti e Marino Niola, dedicato alla vita quotidiana nell'Italia di oggi, presso il Palaprovincia alle ore 11.30.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Attualità

A Pederobba è il giorno del taglio del nastro per il nuovo IperTosano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento