rotate-mobile
Economia

In arrivo la quattordicesima a 78.511 pensionati trevigiani e bellunesi, 24.400 in più del 2021

Marcuzzo (Fnp): “È solo l'effetto dell'aumento del trattamento minimo. È necessario allargare la platea dei beneficiari”. Con l’assegno di luglio sarà accreditato anche il bonus 200 euro

La quattordicesima quest'anno, con la pensione di luglio, arriva a 78.511 pensionati delle province di Treviso e Belluno, 24.400 in più rispetto al 2021. Nel dettaglio, in provincia di Belluno, dove i pensionati sono 60.529, arriverà a 16.439 percettori di pensione (27% del totale). L’anno scorso erano 11.001. In provincia di Treviso, dove i pensionati sono 223.604, la quattordicesima mensilità andrà al 28% dei pensionati, pari a 62.072 persone. Nel 2021 l’hanno ricevuta in 43.110.

È la stima fatta dalla Fnp Veneto, in base all'ultimo casellario Inps disponibile, che registra sì una buona notizia, ma anche l'ennesima conferma di quanto le pensioni siano basse. L'aumento della platea dei beneficiari, infatti, si deve alla legge di bilancio 2022 che ha elevato il trattamento minimo di riferimento da 515,58 euro al mese a 524,34: una differenza di 9 euro tale per cui, se nel 2021 232mila dei pensionati veneti avevano avuto diritto alla quattordicesima, quest'anno essi diventano 342mila, il 27% del totale dei pensionati. “L'aumento dei beneficiari - commenta Franco Marcuzzo, segretario generale della Fnp Belluno Treviso - è determinato dall'elevazione del trattamento minimo, un provvedimento più che dovuto, ma che non è sufficiente, a maggior ragione in questo periodo di aumento dei prezzi e delle tariffe, a dare ai pensionati un assegno sufficiente per poter vivere dignitosamente dopo una vita di lavoro. La platea dei beneficiari va allargata”.

La quattordicesima è erogata ai pensionati con un reddito fino 2 volte il trattamento minimo, quindi 1.048,70 euro al mese per un reddito annuale di 13.633,10 euro (nel 2021 erano rispettivamente 1.031,16 e 13.391,68). Bisogna avere 64 anni o compierli entro l'anno (chi li compie dopo il 1° luglio la vedrà erogata a dicembre). Viene poi considerato il reddito delle sole pensioni da lavoro, le cosiddette IVS (invalidità, vecchiaia, superstiti): per questo non tutti i pensionati con reddito basso la percepiscono. L'importo erogato, infine, dipende anche dagli anni di contribuzione e da se si è stati lavoratori dipendenti o autonomi: si va comunque da un minimo di 336 euro a un massimo di 655.

Essendo, poi, una prestazione integrativa collegata al reddito, si rischia anche di perderla per la burocrazia: per mantenerla, ogni anno si deve presentare all'Inps il modello RED e la procedura è solo telematica. Per compilare il modello ci si può rivolgere al Caf Cisl, mentre se un pensionato si ritrova senza quattordicesima può provvedere al recupero rivolgendosi direttamente alla Cisl Fnp. Con la pensione di luglio, è in arrivo anche il bonus 200 euro previsto dal Decreto Aiuti: in provincia di Belluno arriverà al 93% dei pensionati (56.380), nella Marca al 92% (206.378). Tanti, infatti, sono gli anziani con un reddito lordo annuale sotto i 35mila euro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In arrivo la quattordicesima a 78.511 pensionati trevigiani e bellunesi, 24.400 in più del 2021

TrevisoToday è in caricamento