Reindustrializzazione ex Indesit, subentrerà l'azienda Sech

La ditta di costruzioni metalliche occuperà parte dello stabilimento di Refrontolo e assumerà 5 dipendenti. In tre anni è stata trovata una soluzione per il 90% dei lavoratori

Si sono conclusi i lavori del tavolo per la reindustrializzazione dell'ex Indesit di Refrontolo.

Per trovare soluzioni che permettessero di ricollocare i 94 lavoratori rimasti senza posto doopo la chiusura dello stabilimento nel 2012, hanno collaborato Regione Veneto, Indesit Company e sindacato.

"E' un accordo importante e che ci soddisfa - ha commentato l'assessore regionale Elena Donazzan - perché c'è stata assunzione di responsabilita' da parte di tutti, in particolare della Indesit, un'azienda che ha chiuso lo stabilimento lasciando in una situazione drammatica il territorio ma che, a differenza di troppe altre aziende, si è fatta carico di accompagnare i lavoratori verso nuovi posti di lavoro e di cercare nuovi imprenditori per la reindustrializzazione del sito".

A subentrare sarà la Sech, azienda del luogo che ha un positivo mercato internazionale e che ha deciso di continuare a investire nel territorio e, ha aggiunto Donazzan, "Bisogna dire che gli imprenditori che investono in Italia sono degli eroi".

Sech, azienda di costruzioni metalliche, occuperà oltre cinquemila metri quadri dei 20mila dell'area ex Indesit per trasportarvi la propria sede, assumendo nel contempo cinque lavoratori provenienti dalla precedente attività. L'accordo è stato firmato ad aprile.

"Va dato atto - ha sottolineato Donazzan - che ogni quattro mesi, in questi anni, la Indesit era presente per parlare con la Regione Veneto. Non è cosa di poco conto perché oggi abbiamo più che mai bisogno di responsabilità sociale da parte delle imprese e di avere aziende che abbiano cuore e testa sul nostro territorio. Quella della ex Indesit è stata una buona pratica che va presa ad esempio in particolare in un momento di difficoltà così grande per il Veneto".

Nei tre anni trascorsi dalla chiusura dell'azienda a Refrontolo, per il 90% dei dipendenti è stata trovata una soluzione: alcuni sono stati ricollocati con assunzioni incentivate da parte di aziende terze del territorio o legate al progetto di reindustrializzazione, per altri sono stati impiegati prepensionamenti e il sistema di incentivi all'esodo per chi ha preferito ricollocarsi autonomamente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Altri 15 lavoratori non sono stati ancora ricollocati, ma gli enti coinvolti stanno studiando altre soluzioni mirate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento