rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Economia

Ricerca Cgil, il lavoro nelle amministrazioni pubbliche non attira più

Il segretario della Funzione Pubblica Marta Casarin : «E' il risultato del combinato disposto delle nuove regole sulle assunzioni varate dal governo e da un certa denigrazione di cui è stato oggetto negli ultimi quattordici anni»

Il posto pubblico diventa sempre meno attraente. A denunciarlo è la Funzione Pubblica della Cgil di Treviso che oggi, 21 marzo, ha presentato una ricerca, che è stata coordinata dal segretario provinciale della FP Cgil Marta Casarin e ha utilizzato i dati del 2019, gli ultimi che sono stati resi disponibili dal Mistero dell'Economia e delle Finanze, che descrive una situazione dove, nella pubblica amministrazione, le ombre sono più che le luci. 

«Il deficit di lavoro - dice la Casarin - è il risultato del combinato disposto delle nuove regole sulle assunzioni varate dal governo e da un certa denigrazione di cui in questi 14 anni soprattutto è stato oggetto il pubblico. Certo le decisioni prese in questo senso nell'ambito del Pnnr non aiutano. I lavori, che sono tutti funzionali a dei progetti precisi, contemplano delle assunzioni che però sono a tempo determinato. Come dire: venite a lavorare ma sapete che il vostro è sempre e comunque un contratto in scadenza. Se si voleva pensare ad incentivi decisamente si doveva fare altro. I giovani, comprensibilmente, accetteranno solo nelle misura in cui nel contempo faranno altri consorsi. E così verranno disperse altre professionalità e altri saperi».

Di certo non aiuta la dinamica salariale: al 2019 nella Marca si sono persi in totale, fra le varie qualifiche e categorie contrattuali, 5 mila 536 euro a livello nazionale e 3 mila centottantotto euro prendendo come riferimento la media nazionale, concentrati soprattutto nelle aree tecniche-impiegatizie.

«E' il risultato - torna a dire la segretaria della Fp Cgil - delle politiche precedenti al 2008. Da quel momento l'allora ministro Brunetta ha cambiato i parametri per i fondi di produttività e la contrattazione decentrata ha fatto il resto. Il punto vero è che sui dipendenti pubblici non vengono fatti investimenti, soprattutto per quanto riguarda la formazione. Tutto questo, tenendo bene a mente che non ci sono vere prospettive di avanzamento di carriera in senso verticale, rappresenta un forte disincentivo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricerca Cgil, il lavoro nelle amministrazioni pubbliche non attira più

TrevisoToday è in caricamento