Economia

Pasta Zara, finanziamento da 25 milioni di euro da Asset Management Company

La concessione di credito avviene in esecuzione del concordato preventivo con continuità aziendale omologato dal Tribunale di Treviso nello scorso mese di gennaio ed è alla base del percorso di rilancio dell'azienda trevigiana

La sede di pasta Zara

AMCO, Asset Management Company, uno dei principali operatori nel mercato italiano degli NPE, ha concesso un finanziamento a favore di Pasta Zara sotto forma di una linea di credito per 25 milioni di euro: la concessione di credito da parte di AMCO - che avviene in esecuzione del concordato preventivo con continuità aziendale omologato dal Tribunale di Treviso nello scorso mese di gennaio - è alla base del percorso di rilancio di Pasta Zara. La nuova finanza permetterà, infatti, a Pasta Zara di far fronte ai propri impegni finanziari in attesa che il piano porti ad un riequilibrio finanziario.

AMCO opera nel mercato degli unlikely to pay (UTP - inadempienze probabili) con un approccio volto a favorire la sostenibilità dell’impresa, supportando le aziende meritevoli con l’obiettivo della continuità e del rilancio industriale, ponendosi come partner di tutti gli stakeholder, con particolare attenzione alla salvaguardia della forza lavoro.

Pasta Zara, uno dei principali produttori di pasta in Italia, ha recentemente avviato un processo di riorganizzazione per garantire il rilancio dell’attività, dopo che in passato importanti investimenti destinati all’incremento della capacità produttiva avevano causato una situazione di tensione finanziaria. Il piano di rilancio della società prevede la riorganizzazione della produzione nei due stabilimenti di Riese e Rovato (rispetto ai 3 precedenti), l’avvio di nuovi investimenti nei settori della produzione, la razionalizzazione del portafoglio prodotti nonché un efficientamento e semplificazione dei processi produttivi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pasta Zara, finanziamento da 25 milioni di euro da Asset Management Company

TrevisoToday è in caricamento