Spese fisse e affitti: a Mogliano si cerca una soluzione con commercianti e artigiani

Amministrazione Comunale e Unione dei Piccoli Proprietari Immobiliari studiano insieme le misure di sostegno per i commercianti moglianesi

Insieme per ripartire, senza lasciare indietro nessuno. Si potrebbe sintetizzare così l’incontro in videoconferenza tra il sindaco di Mogliano Veneto Davide Bortolato, il vicesindaco con delega alle attività produttive Giorgio Copparoni, il Presidente di UPPI Sezione Treviso Marzio Bolondi e Mirko Gregolin, Segretario Uppi Sezione Treviso (Unione dei Piccoli Proprietari Immobiliari). Un confronto costruttivo per studiare insieme eventuali misure di sostegno sulla situazione di difficoltà dei commercianti moglianesi nel pagare gli affitti.

L’Amministrazione Comunale ha fatto sua, come promesso, la richiesta emersa la mattina di lunedì 4 maggio, nel corso dell’audizione di commercianti, artigiani e imprenditori moglianesi. Durante l’incontro, infatti, è stato più volte evidenziato come il pagamento delle spese fisse, tra cui i canoni di affitto, con le attività ancora chiuse come da Decreto, sia uno dei principali fattori di difficoltà economica attuale. Uppi ha subito dato massima disponibilità nel venire incontro alle necessità espresse, dimostrando massima comprensione, tanto da rendersi disponibile alla futura stipula di un Protocollo d’Intesa con il Comune di Mogliano Veneto. L’incontro ha portato anche a un’altra importante novità: sarà istituito uno sportello informativo aperto alla cittadinanza, che vedrà il coinvolgimento del Sindacato Sunia (Sindacato Unitario Nazionale Inquilini e Assegnatari) e di commercianti e artigiani, con l’obiettivo di dare informazioni utili alla città e arrivare in seguito a un documento condiviso che parli di sostegno concreto agli operatori economici della città.

«È stato un appuntamento proficuo - ha detto il sindaco Davide Bortolato - la massima disponibilità di Uppi è fondamentale per ricucire lo strappo economico che il Covid-19 ha causato, sentiamo più che mai la necessità di dialogare e confrontarci con tutti coloro che possono rendere questo percorso di rinascita più facile e più veloce».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

  • Il sorriso di Claudia si spegne a soli 56 anni: fatali una malattia e il Covid

Torna su
TrevisoToday è in caricamento