menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Muratore al lavoro (Foto d'archivio)

Muratore al lavoro (Foto d'archivio)

Superbonus 110%: «Bene la proroga ma serve estenderla al 2023»

Mattia Panazzolo, direttore di Cna Treviso, chiede una spinta ancora maggiore per la proroga nella Legge di stabilità. «Per il comparto casa sarebbe una decisione fondamentale»

«È importante che nella Legge di stabilità sia stata prevista la proroga al 2022 del Superbonus 110%. Serve però che a questa misura venga data ulteriore spinta estendendola a tutto il 2023 e che vengano ricompresi gli immobili strumentali. È necessario pertanto che questa misura venga agganciata al Next Generation EU per assicurarne la continuità e il potenziamento».

Lo afferma Mattia Panazzolo, direttore di Cna Treviso. Il Superbonus 110% è un provvedimento in grado di centrare due obiettivi: abbattere drasticamente le emissioni di Co? nell’atmosfera riqualificando l’enorme patrimonio edilizio, anche storico e monumentale, della Marca, e rimettere in moto il comparto anticiclico per eccellenza, l’edilizia appunto, che nella nostra provincia conta 12.300 imprese registrate di cui 11.300 attive. «Tutto il comparto casa è impegnato in un percorso di riqualificazione professionale per poter offrire lavori e servizi che beneficino del bonus - conclude Panazzolo - In questi mesi centinaia di ditte e professionisti hanno potuto beneficiare di formazione, anche gratuita, offerta dalle associazioni di categoria. Per i mestieri e le professioni del comparto casa, questo è uno di quei passaggi epocali che cambierà per sempre il modo di lavorare. Chi non salta su questo “carro” rischia di uscire dal mercato e Cna è al fianco di imprese e professionisti in questa sfida decisiva».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
blog

Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento