Texa inaugura la nuova filiale in Germania

La Germania è oggi il primo mercato per l'azienda trevigiana grazie anche agli accordi siglati con le case costruttrici

La sede di Texa in Germania

Il Presidente Bruno Vianello ha inaugurato oggi, venerdì 9 ottobre, la nuova filiale tedesca di TEXA a Obersulm, a nord di Stoccarda, che con i suoi oltre 3.000 metri quadrati triplica la vecchia sede di Langenbrettach, operativa dal 2002. La Germania rappresenta per TEXA (che esporta ormai quasi l’80% della sua produzione) il principale mercato mondiale nel settore del Garage Equipment, con circa 26 milioni di fatturato tra officine indipendenti e case costruttrici. Un risultato straordinario in un paese estremamente esigente, che certifica la qualità dei prodotti, interamente Made in Italy, di TEXA.

«Io ho sempre voluto che i miei strumenti di diagnosi elettronica -ha detto nel suo discorso il Presidente Bruno Vianello- avessero la genialità e lo stile italiano, coniugati ad una qualità costruttiva ed una solidità germanica. Per questo ci siamo certificati negli anni secondo le più stringenti normative automotive tedesche quali la TISAX e la VDA 6.3. Tale sforzo ci ha permesso di accreditarci presso i più importanti costruttori tedeschi, tra cui il Gruppo Volkswagen che è oggi uno dei nostri maggiori clienti. Si è trattato di un grande investimento, ma sviluppare dei prodotti in collaborazione con le case tedesche ci ha permesso di crescere molto e acquisire importante tecnologia e know-how. Sono perciò estremamente felice, proprio al simbolico compimento del suo 18esimo anno di età, di essere qui a inaugurare la nuova sede di TEXA Germania».

TEXAGermania_hq_interno_1(1)-2

La nuova filiale, che occupa 45 persone, rappresenta anche una straordinaria base operativa per promuovere tra i costruttori tedeschi il rivoluzionario propulsore elettrico TEXA destinato a vetture di alta gamma. Da tre anni, TEXA ha infatti fondato la divisione E-Powertrain, capace di realizzare un innovativo motore elettrico ad architettura assiale che ha già attirato l’attenzione di grandi gruppi automobilistici. Tra le innovazioni della nuova struttura, il magazzino di oltre 2000 metri quadrati e ampie aule per la formazione di tecnici e meccanici, da sempre uno dei punti di forza di TEXA tramite la propria struttura TEXAEDU.

«Oggi TEXA Germania - dice Werner Arpogaus, da sempre a capo della filiale tedesca - segue oltre 25.000 clienti, tra cui anche le grandi associazioni di ricambisti. Avevamo acquisito poco alla volta tutto il vecchio stabile, ma ormai gli spazi non erano più sufficienti. Questa nuova sede è strategica e ci permetterà di aumentare ancora il nostro business. Abbiamo voluto realizzarla seguendo quegli standard di attenzione per il dipendente che hanno reso famoso l’headquarter italiano».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La nuova sede di TEXA Germania rappresenta la più grande filiale di TEXA e si aggiunge a quelle di Spagna, Francia, Gran Bretagna, Polonia, Russia, Stati Uniti, Brasile e Giappone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento