Economia

Antonio Bianchin confermato segretario generale della Fim Cisl Belluno Treviso

Con Bianchin sono stati eletti in segreteria Massimo Civiero, con l'incarico di segretario organizzativo, e Bruno Deola, responsabile dell'area bellunese come negli ultimi 4 anni

TREVISO Si è concluso questa mattina con l'intervento del segretario nazionale Ferdinando Uliano e l'elezione del segretario generale e della segreteria il secondo Congresso della Fim Cisl Belluno Treviso. Antonio Bianchin è stato confermato al timone della categoria dei metalmeccanici che conta quasi 5.000 iscritti fra Treviso e Belluno. Molti i temi toccati da Bianchin nella relazione con cui ha aperto l'assemblea congressuale, “un Congresso dedicato ai giovani - ha voluto sottolineare - penalizzati più di ogni altra categoria dalle riforme delle pensioni, dalla disoccupazione, da una situazione cronica di precarietà economica e sociale”.“Ringrazio tutti per la fiducia - ha detto Bianchin ai delegati che l'hanno votato all'unanimità -. Nel prossimo quadriennio il nostro intento è di sviluppare importanti progetti formativi sia di base che master, perché c'è un enorme bisogno di formazione e di aumentare le nostre professionalità, perché anche il sindacato, oltre all'industria, dev'essere 4.0”.

Con Bianchin sono stati eletti in segreteria Massimo Civiero, con l'incarico di segretario organizzativo, e Bruno Deola, responsabile dell'area bellunese come negli ultimi 4 anni. Una segreteria a tre, dunque, alla quale si affiancherà il prezioso contributo di Alessio Lovisotto, responsabile dell'area Sinistra Piave, Oderzo, Motta di Livenza e Paolo Agnolazza, responsabile Destra Piave, bassa e alta Pedemontana, Feltre e Montebelluna.

“Treviso e Belluno - ha sottolineato Bianchin nella sua relazione - sono sindacalmente un'unica entità che ha saputo crescere imparando dalle rispettive specificità territoriali. Non possiamo dire che nei nostri territori la crisi sia passata e tuttora viviamo un momento di accelerata trasformazione che ha diversi esiti nelle varie tipologie di aziende che la categoria segue. Ci sono grandi gruppi industriali che prosperano a positivi tassi di crescita, ma anche situazioni di sopravvivenza aziendale orientata al ridimensionamento delle strutture. Molte medie aziende vivono situazioni emergenziali di collasso finanziario dopo che il credit crunch è stato aggravato da 8 anni di crisi a cui una classe imprenditoriale miope non ha saputo far fronte”.

“La nostra proposta politica - ha proseguito il segretario generale - si palesa come una potente idea inclusiva di sindacato. La proposta costruttiva di partecipazione al cambiamento sarà la chiave di volta per partecipare finalmente alla gestione e alla determinazione del lavoro. Il punto focale con il quale scardinare il monopolio aziendale della gestione del lavoro è la determinazione della produttività. Contrattare la produttività in azienda consentirà di aumentare la competitività dell'impresa e di valorizzare il ruolo dei lavoratori come parte attiva e plasmante del destino dell'azienda. La Fim sostiene che nelle imprese dev'essere premiato il merito per valorizzare i lavoratori per il lavoro che effettivamente svolgono, ricompensandone le competenze e l'impegno tramite l'evoluzione degli accordi aziendali di secondo livello”.

“In questi anni - ha dichiarato Ferdinando Uliano della segreteria Fim nazionale - siamo costretti dalla velocità dei cambiamenti a rimetterci continuamente in pista e a riadeguare costantemente gli strumenti e l’azione contrattuale. La crisi ha evidenziato le contraddizioni di questo Paese, che si scaricano sulle giovani generazioni: se la nostra migliore gioventù è condannata alla precarizzazione e non ha la prospettiva della costruzione di un futuro in Italia, c'è il rischio della desertificazione della società”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antonio Bianchin confermato segretario generale della Fim Cisl Belluno Treviso

TrevisoToday è in caricamento