menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Scuola-lavoro: un patto per l'alternanza di qualità"

L'intervento di Anna Viel, presidente Giovani Imprenditori Assindustria Venetocentro, Delegata a Education, Scuola

TREVISO Il Veneto continua a crescere. Ma rischia di essere condizionato dalla carenza di tecnici e di laureati che continuano ad essere meno che nel resto del Nord ed emigrano di più (5.600 nel 2006-2016, secondo Bankitalia). Discutere del nostro sistema scolastico non può che farci bene. Poiché plasma il presente ma, al tempo stesso, ipoteca il futuro, è importante farlo, apertamente, tanto più in un periodo in cui la società e l’economia vanno trasformandosi.
Le nuove tecnologie, la robotizzazione e i processi di digitalizzazione, pongono alla scuola nuove sfide. Servono nuovi saperi e maggiori competenze in ambiti scientifici. In Italia occorre disseminare questi saperi sin dai primi gradi della scuola per dare, ad un numero crescente di studenti, la possibilità di affrontare quei percorsi scolastici e universitari di natura tecnico-scientifica che offrono maggiori opportunità di occupazione. Non solo materie scientifiche, ma serve tornare ad insegnare la capacità di ragionare e argomentare che è, da sempre, il motore del progresso. Dobbiamo portare la scuola su questa strada, investendo sul merito degli insegnanti e il grande ruolo sociale che svolgono e mettendo finalmente gli studenti al centro delle nostre attenzioni. Occorre evitare alle future generazioni e alla nostra società le conseguenze di un drammatico ‘mismatch’ fra ciò che si sa, o si è in grado di imparare e ciò che serve sapere o saper fare. Un’economia globalizzata, infatti, muove investimenti e crea lavoro in quei territori che offrono le migliori opportunità e, non vi è dubbio, che nuove produzioni e nuovi servizi richiederanno saperi, competenza e talento. In questa ottica, non risolve, ma certo aiuta, costruire una relazione virtuosa ed equilibrata fra scuola e mondo del lavoro.

All’apertura del nuovo anno scolastico, le imprese di Padova e Treviso sentono la responsabilità di avanzare una proposta, alle istituzioni formative, alle famiglie, agli insegnanti e agli stessi imprenditori: investire di più sui giovani come antidoto al declino. L’Italia non ha risorse naturali e materie prime, ma ha una ricchezza che il mondo ci riconosce: i nostri talenti. Siamo il secondo paese manifatturiero in Europa e la bellezza dei nostri prodotti, la capacità tecnica e tecnologica unita alla creatività e abilità delle persone sono il marchio di quel made in Italy che il mondo ci invidia, e che troppo spesso disdegniamo. Ma che per continuare nella sua grande tradizione ha bisogno delle energie e competenze dei giovani.

Da qui nasce la visione di Assindustria Venetocentro sul rapporto con la scuola. Sull’educazione, la crescita e l’occupabilità dei giovani. Una visione che fa perno sulla progettualità, seria e formativa, per l’alternanza scuola-lavoro nel territorio e una diversa narrazione delle nostre ‘fabbriche’, luogo di innovazione per eccellenza e motore insostituibile di crescita, anche professionale, dei giovani, affinchè possano costruire qui il loro futuro e i loro progetti di vita. Nel 2016-2017 sono stati oltre 13mila i progetti di alternanza realizzati a Padova e Treviso, l’84,8% in Pmi. Un risultato importante, frutto dell’obbligo curricolare dell’asl, ma soprattutto del dialogo costruttivo scuola-impresa. Un bagaglio da non disperdere, e anzi consolidare, a cominciare dalle politiche del Miur. Da oggi il nostro impegno riparte con slancio, con la novità di un orientamento specificamente dedicato ai docenti e alle famiglie. Vogliamo mettere a sistema gli strumenti di collegamento tra formazione e lavoro, come asl, apprendistato, Its, fondi interprofessionali, con l’impegno di far sentire ai ragazzi il profumo della nuova ‘fabbrica’, digitale e connessa, rendere l’impresa manifatturiera sempre più un alleato delle nuove generazioni. Perché la ‘fabbrica’ è una comunità che educa, orienta, accompagna al lavoro.

Anna Viel, presidente Giovani Imprenditori Assindustria Venetocentro, Delegata a Education, Scuola

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento