rotate-mobile
Economia Centro / Piazza Borsa

Il caro energia non frena l'export di Marca: +15,5% nei primi nove mesi del 2022

L'appuntamento con le istituzioni in Camera di Commercio per i consueti auguri natalizi. Il presidente Mario Pozza analizza i dati: «In media, in un anno, le bollette del gas sono raddoppiate e quelle dell’energia più che raddoppiate: questo significa che produrre costa di più»

Si è svolta ieri, 19 dicembre, la tradizionale Festa degli Auguri delle Istituzioni della Camera di Commercio di Treviso – Belluno|Dolomiti. Ha presenziato alla cerimonia, l’europarlamentare Gianantonio Da Re, l’On Marchetto Marina, l’Onorevole Scarpa Rachele, l’Assessore Regionale Federico Caner, il Prefetto Angelo Sidoti, il Questore Manuela De Bernardin Stadoan, il Presidente della Provincia Stefano Marcon,  il Vescovo Mons. Michele Tomasi accolti dal Presidente Mario Pozza e dal Segretario Generale Romano Tiozzo. Tra i presenti anche i rappresentanti delle istituzioni del trevigiano e delle categorie economiche.

Il Presidente Mario Pozza ha espresso il più vivo ringraziamento per la presenza delle autorità e ha dato inizio all’evento con le note dell’Inno d’Italia. I presenti hanno potuto partecipare alla visione del video “La Camera di Commercio per la promozione e l’economia dei territori”, che la Camera di Commercio realizza ogni anno, con la volontà d’ informare con trasparenza di quanto fatto nell’anno che va a concludersi. Un susseguirsi di immagini che hanno ripercorso i grandi eventi Mirabilia e GenerAZIONE2026 in vista dei giochi olimpici Milano – Cortina 2026.

I progetti strategici: Formazione e lavoro, PID digitalizzazione – Promozione del territorio – Crisi d’impresa. Il dialogo con i giovani italiani all’estero. Le  premiazioni e i riconoscimenti alle imprese in occasione delle cerimonie di Treviso e Belluno della Fedeltà al Lavoro e del progresso Economico, oltre al “Premio innovazione sociale e sviluppo sostenibile" per le aziende meritevoli di aver realizzato progetti significativi in ambito di innovazione e sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Un dialogo continuo dunque con il sistema economico e delle imprese accompagnandole con i progetti strategici a mantenersi competitive sui mercati nazionali e mondiali.

Gli auguri della Camera di Commercio di Treviso

«Ogni anno ci troviamo per rinsaldare quel legame fattivo tra noi esponenti della PA» comunica il Presidente della Camera di Commercio e di Assocamerestero Mario Pozza «per cui ringrazio tutti i presenti. La consapevolezza e il riconoscere quanto fa e può fare la rete delle Istituzioni per sostenere e rendere competitivo,  il sistema economico e delle imprese rappresenta uno step importante nel percorso fatto insieme in questi anni. Nel mio nuovo ruolo di Presidente di Assocamerestero vorrò dare un ulteriore apporto alla promozione del nostro sistema economico e delle imprese all’estero con la rappresentanza delle 84 Camere di Commercio nei 61 paesi del mondo. Sono lieto d’informare che il Comitato Esecutivo FICTS presieduto dal Presidente prof. Franco Ascani mi ha nominato quale Unico italiano nel rapporto mondo impresa, sport e mercato delle immagini nella Commissione Internazionale FICTS per sostenere la promozione del sistema impresa guardando ai giochi olimpici Milano – Cortina 2026».

Mario Pozza con il comandante dell'Arma, Questore e Prefetto

«Invito le imprese, all’inevitabile transizione digitale e alla cybersecurity, all’internazionalizzazione anche le piccole imprese,  alla responsabilità sociale d’impresa, all’economia circolare, all’impegno a rendere sostenibili i processi e i prodotti  per rispettare la bellezza dei nostri territori ispiratori d’idee e di visioni che ci rendono famosi in tutto il mondo, e ancora, all’attenzione ai giovani per capitalizzare il presente e programmare insieme le azioni future. Per realizzare con successo tutto ciò, la collaborazione tra pubblico e privato è essenziale e noi» sottolinea il Presidente Pozza «siamo qui per rinsaldare questa collaborazione strategica». La cerimonia è stata accompagnata dall’esibizione con arpa del Conservatorio A. Steffani di Castelfranco Veneto sostenuto dalla Camera di Commercio.

Export, nella Marca crescita del 15,5%

«I dati ai primi nove mesi del 2022 confermano anche per le nostre province una crescita dell’export molto sostenuta» commenta il Presidente della Camera di Commercio di Treviso-Belluno, Mario Pozza «per Treviso è del +15,5% e per Belluno quasi del +20%». «Ma queste dinamiche così positive incorporano il trasferimento sui prezzi finali dei rincari energetici e delle materie prime» ricorda il Presidente «e che il caro energia pesi sulle nostre imprese è innegabile: la recente indagine di Unioncamere su un campione di imprese manifatturiere del Veneto ci dice che in media in un anno le bollette del gas sono raddoppiate e quelle dell’energia più che raddoppiate: questo significa che produrre costa di più». 

«Con queste premesse stiamo andando verso la giusta direzione» prosegue Pozza «visto l’accordo sul tetto del gas raggiunto in questi giorni dal Consiglio Energia europeo, ma non per il prezzo, così come vedo con favore gli altri progetti legati all’energia su cui si è trovata una convergenza, sempre in ambito europeo: l'autorizzazione alle rinnovabili, il pacchetto sulla solidarietà e gli acquisti comuni, ed il meccanismo di correzione del mercato».

Mario Pozza e l'assessore Caner

«Queste misure vanno nella giusta direzione, meglio tardi che mai, cioè di smorzare le speculazioni sui rincari per dare una boccata di ossigeno alle nostre imprese, che» continua il Presidente «finora hanno dimostrato molta resilienza: due imprese su tre, sempre del campione manifatturiero veneto, hanno infatti dichiarato di aver mantenuto inalterati i regimi lavorativi per non perdere quote di mercato oppure perché non hanno avuto un calo degli ordini riuscendo così ad assorbire i maggiori costi sostenuti».

«Tornando ai dati delle esportazioni dei primi nove mesi 2022» conclude il Presidente «vedo che a trainare sono soprattutto i mercati dell’Unione Europea (+18-24% fra Treviso e Belluno) e gli Stati Uniti (+19-26%). Prime indicazioni, forse, su come stanno cambiando o cambieranno le traiettorie dell’export, a seguito della pandemia (le vendite in Cina e Hong Kong sono ancora in negativo per Treviso, sia nel confronto con lo scorso anno che del 2019, per Belluno il recupero è nell’anno ma non sul pre-pandemia) e del conflitto Russia-Ucraina. Stesso discorso per gli approvvigionamenti, da studiare se le filiere si stanno modificando e quali i mercati di riferimento. Sono tutte domande, che meritano approfondimenti, nei prossimi mesi. Dobbiamo creare rete e cogliere l’opportunità delle strutture per l’export regionali come Venicepromex e anche la rete delle 84 Camere di Commercio italiane all’estero con Assocamerestero. Nel mio nuovo incarico di Presidente sarà obiettivo primario, dare  anche delle piccole imprese, nuovi traguardi per l’internazionalizzazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il caro energia non frena l'export di Marca: +15,5% nei primi nove mesi del 2022

TrevisoToday è in caricamento