menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allerta della Camera di commercio: 30mila euro per le imprese potrebbero andare persi

Presentate solo 2 domande su 15 posti disponibili per il bilancio Sociale d’impresa. Scadenza bando lunedì 12 febbraio

TREVISO Mi domando: andranno persi 30.000 mila euro messi a disposizione dalla Camera di Commercio di Treviso – Belluno, per le imprese per realizzare il bilancio sociale aziendale? – denuncia il Presidente della Camera di Commercio Mario Pozza -. Non è il caso che si ripeta la circostanza del bando andato deserto sulla legalità, perché sono risorse messe in campo velocemente dalla Giunta e dal Consiglio camerale per la scuola e per le imprese, ma sappiamo bene che se non vengono spese rimangano lì ferme, per  un anno, quando invece il nostro territorio ha bisogno di risorse spendibili subito, in questo momento,  in ambiti come  turismo e innovazione per esempio!

Invito le associazioni di categoria a sensibilizzare le imprese e le imprese stesse a cogliere l’opportunità di questo bando – afferma Pozza - perché fare il Bilancio sociale è un’opportunità che ha il valore di  scelta etica per rendere conto del proprio operato. È una modalità relazionale con la quale l’azienda si apre e rende trasparenti  i risultati raggiunti secondo una prospettiva di valore, che va oltre a quella economica e arriva a ricomprendere anche gli aspetti ambientali e sociali.

A chi è rivolto il Bilancio sociale? Il Bilancio sociale è rivolto agli addetti ai lavori (soci, organi di controllo) e anche alla più ampia platea degli stakeholder (clienti, fornitori, personale, media, collettività, banche, finanziatori ecc.).

Perché è importante per un’impresa redigere il Bilancio Sociale?

Il bilancio sociale significa un’operazione di comunicazione e trasparenza, fornisce una risposta alle attese e alle esigenze conoscitive dei portatori d’interesse anche a quelli finanziari,  favorisce il confronto con i propri interlocutori, innalzandone il grado di fiducia e il coinvolgimento nelle attività aziendali, è un’opportunità di qualificare le relazioni con la comunità di riferimento e di valorizzare il ruolo sociale dell’organizzazione, contribuisce a una maggiore visibilità dei progetti e delle iniziative promosse per il territorio, permette di sistematizzare e rendere più fruibile il flusso di informazioni attraverso il quale l’organizzazione racconta se stessa e si apre verso l’esterno, consente di raccogliere elementi utili per focalizzare meglio la mission aziendale, accresce il livello di rispondenza tra ciò che l’organizzazione vuole essere e come viene percepita. Dal punto di vista interno,  contribuisce a rafforzare una comune identità,  orienta le risorse umane verso il miglioramento dei risultati,  permette di recuperare informazioni disperse tra i vari uffici, migliora la collaborazione e le sinergie tra uffici, fornisce elementi per il processo di pianificazione e controllo, consente una visione complessiva delle attività dell’organizzazione, favorisce una rilettura e revisione della struttura interna, promuove la comunicazione interna, stimola l’approccio all’innovazione e alla sperimentazione, favorisce la partecipazione a gruppi di lavoro intersettoriali.

Il Bando. Destinatari del Bando: 15 aziende iscritte al Registro delle Imprese, sia profit che no profit, con sede legale e/o almeno una sede operativa nelle province di Treviso o Belluno. Scadenza per la presentazione delle domande: La domanda di partecipazione, unitamente alla documentazione prevista, deve essere presentata entro lunedì 12 febbraio 2018. Per la prima volta alle imprese partecipanti verrà data la possibilità di approfondire la conoscenza ed utilizzare lo storytelling aziendale, come strumento di comunicazione della rendicontazione sociale, capace di andare oltre ai classici metodi di approccio, a favore di un modello comunicativo più contemporaneo e coinvolgente. Durata del progetto: Il progetto avrà una durata di 9 mesi e prenderà avvio dalla fine del mese di febbraio 2018 e si concluderà con la redazione del Bilancio sociale indicativamente entro il mese di novembre 2018.

Le attività previste: si articoleranno in due fasi

1) FORMAZIONE attraverso l’assistenza di esperti nel campo della rendicontazione sociale:

3 sessioni formative in aula (di 6 ore ciascuna) con parti teoriche ed esercitazioni pratiche relative al tema della rendicontazione sociale e dello storytelling;

1 intervento personalizzato (“one to one”) da gestire anche in modalità di web conference, con ciascuna delle aziende partecipanti. Nel caso in cui le aziende non dispongano della tecnologia necessaria, la Camera di Commercio di Treviso - Belluno metterà a disposizione, presso la propria sede una postazione tecnologica adeguata, per garantire il collegamento con i relatori;

 1 intervento personalizzato (“one to one”) di circa un’ora, da gestire presso la sede dell’Ente camerale, per verificare l’andamento nella stesura del Bilancio sociale e per garantire un’ulteriore contributo tecnico alle imprese partecipanti.

2) ASSISTENZA “one to one” ed assistenza tecnica a distanza alle aziende partecipanti nella realizzazione del loro Bilancio sociale, affinché possano disporre di un punto di riferimento a cui indirizzare eventuali dubbi o con cui definire le scelte di fondo della rendicontazione sociale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto Canova, Ryanair annuncia la programmazione estiva

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento