La casa? Ancora un buon investimento, ma trevigiani frenati da tasse e normative

L’ultima ricerca dell’Osservatorio di Sara Assicurazioni: più della metà dei trevigiani (65%) crede ancora nel valore del mattone

TREVISO Per gli italiani la casa è da sempre un grande bene sia economico che affettivo. Un aspetto – questo - che trova conferma anche a Treviso: secondo l’ultima ricerca dell’Osservatorio di Sara Assicurazioni, la compagnia assicuratrice ufficiale dell’Automobile Club d’Italia, infatti, più della metà dei trevigiani (65%) crede ancora nel valore del mattone, ma rispetto al passato ammette di avere molte paure. La più grande preoccupazione è legata all’incertezza su tasse e cambiamenti normativi che - vuoi con l’introduzione di obblighi o il venir meno di agevolazioni e detrazioni - preoccupa più della metà dei trevigiani (53%). A suscitare timori sono anche le potenziali fluttuazioni del mercato immobiliare (43%), il potenziale peggioramento del contesto ambientale circostante, provocato dal degrado, da interventi edilizi o da aumenti del livello di criminalità e inquinamento della zona (40%), ma anche gli eventi catastrofali (23%).

Nonostante queste preoccupazioni, l’abitazione continua a rivestire un ruolo molto importante come investimento per il futuro proprio e della propria famiglia, vedendo nel patrimonio immobiliare un lascito per i propri figli (31%), una forma di investimento finalizzata all’affitto (42%) o alla rivendita (19%) oppure un bene rifugio per tempi incerti (8%). Secondo i dati emersi dalla ricerca, poi, proprietà batte affitto 1 a 0: ben l’88% degli intervistati preferisce infatti abitare in una casa di proprietà rispetto alla casa in affitto. Il 30% dei trevigiani, in particolare, investirebbe nella sua stessa città, il 18% in un piccolo centro cittadino e il 23% in campagna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non tutti, però, la pensano così: il 25% dei trevigiani, infatti, non crede nel valore del mattone come bene di investimento e il 13% preferirebbe l’affitto alla proprietà perché – afferma – comporta meno responsabilità (80%) e si risparmia sulle tasse (20%). Ma come proteggere il valore dell’abitazione? Il 28% dei trevigiani ritiene che di fatto non sia possibile tutelarsi, mentre per il 40% la soluzione è tenersi sempre aggiornati sulle novità normative e l’andamento del mercato immobiliare. Un altro 10% si proteggerebbe con una polizza assicurativa specifica e il 35% si rivolgerebbe a un consulente. “La nostra ricerca evidenzia come la casa per gli italiani continui a rappresentare un bene molto importante, non solo come ambiente di vita per l’individuo e per la famiglia ma anche come forma di investimento per il domani. Considerata la sua importanza, l’abitazione è allora uno fra i beni che meritano maggiore attenzione e tutela e che è quindi fondamentale proteggere con adeguate coperture”, commenta Marco Brachini, Direttore Marketing, Brand e Customer Relationship di Sara Assicurazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Maltempo, albero cade e travolge un'auto: vigilante ferito

  • Coronavirus, Zaia: «Gli immigrati della Serena devono tornare a casa loro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento