menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Quante bugie sul CETA, ma i nostri parlamentari trevigiani sapranno cosa fare"

Coldiretti, nella Marca è stato un plebiscito il No dei comuni trevigiani al trattato con il Canada

TREVISO Il Ceta e il popolo degli “utili idoti”. “Titola così un articolo di Coldiretti Nazionale sulla questione Ceta che sottolinea come a difendere l’interesse di pochi entra in campo il popolo degli “utili idioti” che per superficialità, ignoranza o convenienza sono disposti ad affermare il contrario della verità e a sacrificare gli interessi dei propri associati pur di andare in soccorso ai cosiddetti “poteri forti”. Si inizia con l'esaltare le fantastiche tutele che sarebbero garantite alle nostre produzioni tipiche per la prima volta in un Paese anglosassone omettendo i reali contenuti dell’accordo.  Il diavolo, infatti, come si sa, si nasconde nei dettagli – sottolinea Antonio Maria Ciri, direttore di Coldiretti Treviso – Mi rendo conto che tutti possono sentirsi allenatore della nazionale per un giorno e snocciolare schemi di gioco e preferenze in attacco o in difesa, ma non ci si può improvvisare esperti  di poltica agricola internazionale snocciolando dati senza fonti oppure con benefici in entrata senza poi spiegare il prezzo in uscita. Un prezzo salato perché il Ceta danneggia il vero made in Italy e soprattutto non tiene conto dei rischi per i consumatori. Proprio il ragionamento tanto dal Canada arriva già tanto grano fa acqua da tutte le parti. Le riflessioni sul Ceta devono portare a cambiare anche le dinamiche in corso”.

Per far chiarezza sulla base del trattato oltre 250 denominazioni di origine (Dop/Igp) italiane riconosciute dall’Unione Europea non godranno di alcuna tutela sul territorio canadese mentre per la lista dei 41 prodotti Made in Italy ipoteticamente tutelati sono previste importanti eccezioni come il via libera all’uso delle traduzioni dei nomi dei prodotti tricolori (un esempio è il parmesan) ma anche la possibilità per alcune tipicità (come asiago, fontina e gorgonzola) di usare per le imitazioni canadesi gli stessi termini se erano presenti sul mercato nordamericano prima del 18/10/2013 mentre se l’attività è stata avviata successivamente si dovrà semplicemente aggiungere una indicazione come “genere”, “tipo”, “stile”. E’ gravissimo il fatto che con il trattato l’Unione Europea per la prima volta autorizza all’estero l’utilizzo della traduzione inglese Parmesan del Grana Padano e del Parmigiano Reggiano, per formaggi che non hanno nulla a che fare con le due specialità Made in Italy più vendute nel mondo. Un precedente disastroso a livello internazionale contro il quale si sono battuti da sempre i Consorzi di Tutela dei due formaggi che hanno proprio nelle imitazioni il concorrente più temuto all’estero.

“Ecco perché ad uscire per prime sono le falsità sulle vendite in Canada dei formaggi italiani più esportati, il Parmigiano Reggiano ed il Grana Padano, che sarebbero balzate alle stelle – aggiunge Ciri -  La realtà è esattamente il contrario: sulla base dei dati Istat più aggiornati, in netta controtendenza all’aumento fatto registrare sui mercati mondiali, le esportazioni di Parmigiano Reggiano e di Grana Padano in Canada sono crollate del 10% in valore e del 6% in quantità nel primo trimestre del 2018 rispetto al quello dell’anno precedente, il confronto più significativo per valutare gli effetti preliminari dell’accordo di libero scambio con l’Unione Europea (Ceta), entrato in vigore in forma provvisoria solo il 21 settembre 2017”.

Smascherato il primo falso, si allarga il tiro e si sottolineano i presunti vantaggi che avrebbero dagli accordi i nostri vini, che con oltre 1/3 del valore, sono il prodotto agroalimentare italiano più esportato in Canada. Purtroppo non è vero neanche questo perché calano del 4% le bottiglie di vino Made in Italy esportate nel paese Nordamericano nel primo quadrimestre del 2018 rispetto al quello dell’anno precedente, dopo l’entrata in vigore dell’accordo Ceta. E allora si dice che è l’intero agroalimentare Made in Italy a guadagnarci: “La realtà è anche in questo caso diversa poiché con il Ceta si è verificato un forte rallentamento della crescita in Canada – sottolinea Ciri -  Le esportazioni dei prodotti agroalimentari nel Paese dell’acero sono aumentate del 4% nel primo quadrimestre del 2018 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente ma erano cresciute di ben il 6% nello stesso periodo prima dell’entrata in vigore del Ceta”.

A questo punto alcuni “esperti” puntano il dito sulle importazioni per affermare che con il Ceta si sono ridotti gli arrivi di grano duro che tanto fanno preoccupare gli agricoltori italiani. La verità, anche in questo, caso gli operatori la conoscono bene. Le importazioni dal Canada di grano duro si sono praticamente azzerate perché non rispondono più alle richieste dei consumatori e agli stringenti criteri di qualità fissati dai pastai italiani per la presenza di glifosato, il cui uso nel paese nordamericano è permesso in preraccolta e vietato in Italia. Il tema allora cambia ancora e si sottolinea, con un tono che ha l’amaro sapore del disprezzo verso la gente comune, che l’interesse di pochi “contadini” non può prevalere su quello generale del Paese con grandi vantaggi per le esportazioni italiane in Canada che sarebbero aumentate addirittura dell’8% grazie al Ceta. Anche qui siamo nel campo delle invenzioni visto che le esportazioni totali dell’Italia in Canada sono aumentate appena del 3% nel primo quadrimestre 2018 rispetto allo stesso dell’anno precedente, secondo i dati aggiornati dell’Istat.

“Fortunatamente i numeri sono numeri e le bugie hanno le gambe corte. Ora è auspicabile, e forse anche probabile, che in futuro con la crescita economica le esportazioni in Canada aumenteranno ma sarà certamente difficile imputarlo al Ceta che, invece, se non sarà fermato resterà per sempre responsabile della svendita dei marchi più prestigiosi del Made in Italy agroalimentare che altri Paesi saranno autorizzati a chiedere nei trattati di libero scambio che l'Unione Europea si appresta a concludere – conclude Ciri – E attenzione che solo nella Marca quasi tutti i comuni hanno deliberato, chi in Giunta e chi in Consiglio comunale, contro il Ceta. Un volere rappresentativo che deve essere ascoltato a tutti i livelli. I parlamentari trevigiani non avranno particolari problemi ad informarsi a dovere per capire quanto sia importante il loro No Ceta e sono sicuro che la delicata questione andrà oltre gli schieramenti politici".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento