Sindacati dei metalmeccanici: «Se la salute non è garantita ci si ferma»

I segretari generali di FIOM, FIM e UILM prendono posizione sull’emergenza COVID-19 nella Marca

«Diffidiamo le imprese metalmeccaniche trevigiane dal proseguire l’attività produttiva se non sono garantite e rispettate le condizioni di salute e sicurezza di tutti i lavoratori e le lavoratrici». Questo il perentorio messaggio lanciato dalle Sigle sindacali FIOM CGIL, FIM CISL e UILM UIL in seguito al decreto del Governo che inasprisce ulteriormente le limitazioni al fine di contrastare la diffusione epidemiologica in atto, ma non blocca le produzioni. L’invito al mondo imprenditoriale dei comparti industriali e manifatturieri è quello ad attivare immediatamente gli ammortizzatori sociali e a calendarizzare ferie residue e permessi collettivi e sospendere immediatamente l’attività.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Tutelare la salute dei metalmeccanici serve a garantire quella di tutti i cittadini trevigiani -puntualizzano Enrico Botter (FIOM CGIL), Alessio Lovisotto (FIM CISL) e Stefano Bragagnolo (UILM UIL)- le imprese hanno il dovere e la responsabilità di fare la loro parte nel contrastare la diffusione del coronavirus, bisogna osservare tutte le misure e le iniziative volte alla protezione dei lavoratori che stanno garantendo la tenuta economica del Paese in una condizione di grave emergenza. Se tali misure non possono essere applicate dalle imprese si sospendano le produzioni attraverso gli strumenti contrattuali e di legge, altrimenti le bloccheremo con gli scioperi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

  • Diocesi di Treviso, nominati i nuovi sacerdoti della provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento