menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Piazza dei Signori

Piazza dei Signori

Esclusi dal Decreto Sostegni, lavoratori agricoli scendono in piazza

Sabato 10 aprile alle 10.30 presidio davanti alla Prefettura di Treviso. Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil: "Lavoratori stagionali essenziali ma senza bonus"

Anche nel Decreto Sostegni, per l'ennesima volta, i lavoratori stagionali dell'agricoltura sono stati esclusi da ogni tipo di ristoro. Le lavoratrici e i lavoratori agricoli, quelli che lavorano negli agriturismi e nel settore del florovivaismo e che hanno perso numerose giornate di lavoro a causa della pandemia, sono stati nuovamente discriminati, denunciano le Sigle sindacali di Categoria Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil. Per questo, sabato 10 aprile alle 10.30 saranno in presidio davanti alla Prefettura di Treviso.

Sono 15mila i lavoratori stagionali del settore impiegati in provincia di Treviso che sono stati fortemente penalizzati dall'emergenza Covid e che non hanno ottenuto né bonus né sostegni. Un esempio tra tanti è quello delle lavoratrici e i lavoratori degli agriturismi e del settore del florovivaismo che nel 2020 non hanno potuto lavorare e nemmeno raggiungere i requisiti utili per accedere alla disoccupazione agricola e non hanno ricevuto alcun tipo di ammortizzatore. Ma ci sono anche gli stagionali impiegati nella coltivazione e nella raccolta di frutta e verdura, indicati per tanti mesi come essenziali perchè hanno assicurato cibo fresco sulle nostre tavole durante il periodo del lockdown.

Per questi motivi Fai, Flai e Uila chiedono alcune misure indispensabili a tutelare lavoratrici e lavoratori, quali il conteggio per l'anno 2020 delle stesse giornate di lavoro del 2019; l'introduzione del bonus per gli stagionali dell'agricoltura e la sua compatibilità con il reddito di emergenza; l'estensione della Naspi ai dipendenti a tempo indeterminato di imprese cooperative e dei loro consorzi; il riconoscimento di una cassa integrazione stabile per i pescatori vista la forte riduzione dell'attività.

Inoltre, nella piattaforma rivendicativa Fai, Flai e Uila hanno posto quali punti essenziali anche la richiesta di riconoscere la "clausola sulla condizionalità sociale" nella Politica agricola comune (PAC), affinché i contributi europei vadano solo a chi rispetta i contratti di lavoro e le leggi sociali; la contrarietà al tentativo di semplificare ancora di più l'uso dei voucher in agricoltura, con gravi ricadute sulle tutele e i diritti dei lavoratori; l'esigenza di rinnovare rapidamente i contratti provinciali, le cui trattative sono ormai bloccate da troppi mesi. In provincia di Treviso il contratto collettivo provinciale di livello comprimario è scaduto da oltre un anno.

Al presidio di sabato di fronte alla Prefettura di Treviso interverranno i segretari generali territoriali di FLAI CGIL Rosita Battain, di FAI CISL Andrea Meneghel e di UILA UIL Michele Gervasutti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento