rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Economia

A dicembre nella Marca saranno spesi 335 milioni di euro, il 30% in proposte artigiane

Oscar Bernardi, presidente Confartigianato Imprese Marca Trevigiana: «Il Natale straordinaria occasione dal valore artigiano»

Un regalo di Natale a valore artigiano: a dicembre nella Marca Trevigiana saranno spesi 335 milioni di euro di spesa per prodotti alimentari, bevande e altri prodotti e servizi tipici. Più del 30% della spesa andrà all’artigianato trevigiano. Un mercato che in provincia conta 5.638 aziende artigiane, pari al 30,2% del totale, che occupano 21.603 addetti, pari al 36,6% del totale. L’analisi sulla spesa di dicembre intercettabile dalle imprese artigiane è stata curata dall’ufficio studi di Confartigianato Imprese

«Questo Natale si rivela una straordinaria occasione per fare acquisti di qualità nelle botteghe artigianali. Sono tutte realtà imprenditoriali, le nostre, a chilometro zero che, in termini di eccellenza, non sono seconde a nessuno». L’invito è di Oscar Bernardi, presidente di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana. «Facciamo una scelta di qualità e di convenienza, ma soprattutto regaliamo un’opportunità economica per il territorio. Sta nella responsabilità di tutti noi - prosegue Bernardi  - di  sostenere il lavoro dei nostri produttori e attività di “quartiere”, identità dei nostri territori, patrimonio di cultura e del saper fare. Materie prime di ottima qualità, una lavorazione attenta e precisa. Ma anche l'originalità, che nasce dall'incontro tra tradizione, creatività e innovazione, che solo un artigiano sa mettere insieme con maestria. E ancora, l'ascolto della persona, da cui spesso deriva la fornitura personalizzata di un prodotto o di un servizio».

Scegliere prodotti realizzati da imprese artigiane e micro piccole imprese locali vuol dire sostenere non solo l’imprenditore e i suoi dipendenti, e quindi le loro famiglie, ma anche contribuire alla trasmissione della cultura cristallizzata nel sapere artigiano nonché al benessere della comunità. La maggiore spesa prevista per il mese di dicembre viene in parte spiazzata dal caro bollette che pesa per il 2,4% della spesa per consumi finali. Pur in presenza di questo pesante fattore di rallentamento, dai più recenti indicatori congiunturali sui consumi si colgono alcuni segnali positivi. A novembre 2022 il clima di fiducia dei consumatori presenta una dinamica positiva e torna a risalire anche la fiducia delle imprese, con una più marcata accentuazione per le imprese del commercio, unico settore in cui il clima di fiducia è superiore rispetto a quello precedente l’invasione dell’Ucraina. L’analisi dei conti nazionali evidenzia che nel terzo trimestre 2022 la spesa delle famiglie è salita del 2,2% rispetto al trimestre precedente.

A livello nazionale, ammonta a 22,7 miliardi di euro la spesa delle famiglie per prodotti e servizi maggiormente scelti come regalo: prodotti alimentari e bevande, moda e gioielleria, mobili, tessili per la casa, cristalleria, stoviglie e utensili domestici, utensili e attrezzature per casa e giardino, giochi, giocattoli, articoli sportivi, libri, articoli di cartoleria e materiale da disegno e servizi di cura della persona. Per quasi due terzi (66,3%) è costituita dalla spesa per prodotti alimentari e bevande, pari a 15,1 miliardi di euro.

In chiave territoriale, la spesa a dicembre nel perimetro merceologico in esame supera un miliardo di euro in: Lombardia con 3.847 milioni di euro (16,9% del totale), Lazio con 2.342 milioni (10,3%), Veneto con 1.921 milioni (8,5%), Campania con 1.871 milioni (8,1%), Emilia-Romagna con 1.843 milioni (8,2%), Sicilia con 1.786 milioni (7,4%), Piemonte con 1.686 milioni (7,9%), Toscana con 1.448 milioni (6,4%) e Puglia con 1.300 milioni (5,7%).

Sono circa 305mila le imprese artigiane che operano in 47 settori in cui si realizzano prodotti e servizi artigianali di alta qualità che possono essere regalati in occasione del Natale, pari al 30,6% delle imprese artigiane italiane: queste imprese danno lavoro a 907mila addetti cioè ad un terzo (34,8%) degli addetti dell’artigianato nazionale.

I numeri chiave dell’artigianato alimentare

+5,4% produzione di alimentare e bevande nei 12 mesi ottobre 2021-settembre 2022 rispetto a 2019 pre-crisi vs. +0,7% manifattura

+2,7% produzione di alimentare e bevande nei primi 9 mesi del 2022, a fronte del +1,7% Germania e +0,9% Francia

15,1 miliardi di euro di spesa in prodotti alimentari e bevande delle famiglie a dicembre

71.682 imprese artigiane di alimentare, bevande e ristorazione, pari all’1,6% delle imprese totali dell’economia italiana e al 6,9% dell’artigianato nazionale

263 mila addetti nelle imprese artigiane di alimentare, bevande e ristorazione, pari all’1,5% degli addetti totali dell’economia italiana e all’ 10,4% degli addetti dell’artigianato nazionale

48,2 miliardi euro di made in Italy di alimentare e bevande (ultimi 12 mesi ad agosto 2022), pari a 8,5%delle esportazioni manifatturiere e al 2,5% del PIL, che consolida il massimo storico

+19,2% export alimentare e bevande nei primi 8 mesi del 2022 su base annua vs. +21,1% totale export

+4,6% volume export alimentare e bevande nei primi 8 mesi del 2022 su base annua vs. +0,5% totale export

901 milioni di euro di export di dolci da ricorrenza (ultimi 12 mesi ad agosto 2022), Italia 2a in Ue dopo la Francia e +10,4% nei primi 8 mesi del 2022 su base annua

7,6 miliardi euro di made in Italy di vini di uve (ultimi 12 mesi a giugno 2022), pari all’1,4% delle esportazioni manifatturiere e allo 0,4% del PIL, massimo storico. Italia 2a in Ue dopo la Francia, e con il 68,4% da tre regioni: Veneto con 35,8%, Piemonte con 16,5% e Toscana con 16,1%

319 prodotti agroalimentari di qualità con marchio Dop (Denominazione di Origine Protetta), Igp (Indicazione Geografica Protetta) e Stg (Specialità Tradizionale Garantita)

526 vini Doc (Denominazione di Origine Controllata, tra i quali spiccano i Docg, Denominazione di Origine Controllata e Garantita) e Igt (Indicazione Geografica Tipica)

5.450 prodotti agroalimentari tradizionali caratterizzati da metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura consolidate nel tempo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A dicembre nella Marca saranno spesi 335 milioni di euro, il 30% in proposte artigiane

TrevisoToday è in caricamento