Martedì, 16 Luglio 2024
Economia

Start Up di Unicredit, la trevigiana Faba sul podio

L'azienda della Marca, specializzata in prodotti per l'apprendimento dei bambini, si è classificata seconda nella speciale classifica Impact Innovation

La trevigiana Faba si è classificata seconda nella categoria Impact Innovation di Unicredit, che ha annunciato le le 60 start-up che avranno accesso alla sua piattaforma Start Lab nel 2023. Selezionate da commissioni valutatrici composte da esperti e rappresentanti di aziende leader nei rispettivi settori, le vincitrici rappresentano alcune delle più promettenti start-up e PMI innovative italiane. Nel corso delle sue 10 edizioni UniCredit Start Lab ha visto la banca valutare quasi 8 mila progetti imprenditoriali e accompagnare oltre 550 start up nei loro percorsi di crescita.

Faba, attraverso una piattaforma interattiva senza schermi, offre contenuti audio di alta qualità (storie sonore, canzoni, audiolibri e giochi interattivi) pensati per stimolare l'immaginazione, la creatività e il processo di apprendimento di bambini e bambine. La startup intende così accompagnare i più piccoli nel loro percorso di crescita diventando un punto di riferimento per le famiglie e gli educatori tramite un approccio inclusivo, sicuro e sostenibile.

«Con UniCredit Start Lab - ha detto Remo Taricani, Deputy Head of Italy di UniCredit - in questi anni abbiamo accompagnato centinaia di start up verso percorsi di crescita sostenibile, diventando così partner di riferimento per l’ecosistema dell’innovazione italiano. Promuovere l'innovazione dal basso è parte integrante del nostro impegno a sostenere le PMI italiane - segmento rilevante dell'economia del Paese che genera più di un terzo dell'occupazione e circa il 40% del valore aggiunto - a crescere e a rafforzarsi. Inoltre, Start Lab si inserisce perfettamente nella strategia ESG di UniCredit, in quanto sostiene progetti che hanno un impatto positivo sugli aspetti sociali e ambientali delle comunità in cui operiamo».

Quest'anno sono pervenute circa 700 candidature da tutta Italia, sviluppate da team di neoimprenditori operanti nei seguenti settori: Digital (40% del totale), Impact Innovation (18%), Innovative Made in Italy (18%), Life Science (15%) e Clean Tech (9%). Alle migliori aziende selezionate in ciascuna delle 5 categorie citate, UniCredit assegna un premio di 10.000 euro. Le start-up guidate da donne che si sono candidate quest’anno rappresentano il 22% del totale (in crescita rispetto al 17% del 2022), con una quota che sale al 50% tra quelle selezionate per accedere a Start Lab.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Start Up di Unicredit, la trevigiana Faba sul podio
TrevisoToday è in caricamento