Visura del registro imprese più leggibile. i nuovi dettagli sugli addetti dell’impresa

La semplificazione del linguaggio burocratico per lavorare meglio. La “carta d’identità” delle imprese, completa, tempestiva e digitale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

A partire da gennaio 2019, la visura camerale è più leggibile e si arricchisce di nuovi dettagli sugli addetti dell’impresa. Saranno visibili delle note per chiarire il significato e rendere più veloce la consultazione. Che cosa sono i codici Ateco e NACE? Cosa s’intende per Rating di legalità e codice LEI? Come interpretare le definizioni sulle partecipazioni in ambito societario?

«La Pubblica Amministrazione si è presa carico di spiegare e rendere fruibili i propri termini tecnici, per diminuire il divario tra imprese e lo strumento del registro delle imprese. C’è tanto da fare, ma la ferma volontà è quella di un linguaggio semplice che faciliti il dialogo tra pubblica amministrazione e imprese, anche in quelle procedure amministrative complesse, ma indispensabili per fare impresa – afferma il Presidente Mario Pozza -. Semplificare, rendere snelle le procedure, digitalizzare le consultazioni, senza più code agli sportelli, ma direttamente dalla propria postazione al computer, questo è uno tra gli obiettivi che ci siamo posti come sistema camerale per essere a fianco delle imprese. Si tratta dunque di agevolare la lettura dei dati contenuti nella visura online scaricabile con la piattaforma Telemaco che consente il collegamento web con il Registro Imprese della Camera di Commercio. Novità: saranno fornite nuove informazioni relative agli addetti. Le nuove tabelle statistiche presenti in visura, elaborate sulla base dei dati forniti dall’INPS, riguarderanno la distribuzione percentuale degli addetti: per Contratto (es. tempo determinato, tempo indeterminato, stagionale, ecc...); per Orario di lavoro (es. tempo parziale, tempo pieno, ecc...); per Qualifica (es. Quadri, dirigenti, impiegati, operaio, ecc...). Tali tabelle saranno presenti solo nelle visure delle imprese con un numero di dipendenti superiore a 5. Inizialmente verranno forniti i valori percentuali relativi ai primi tre trimestri 2018 e riguarderanno gli addetti-dipendenti, escludendo pertanto gli addetti-indipendenti e gli agricoli. Nella visura sarà indicata anche la data di svolgimento della rilevazione. Attraverso queste iniziative di arricchimento continuo delle informazioni desumibili dal registro imprese, la “visura camerale” svolge a pieno titolo la funzione di “carta d’identità” delle imprese, completa, tempestiva e digitale».

Torna su
TrevisoToday è in caricamento