menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assemblea di CentroMarca Banca, votata l'aggregazione ad ICCREA

Un risultato inaspettato anche per lo stesso consiglio di amministrazione che è stato riconfermato dai soci presenti nella sala congressi del BHR di Quinto di Treviso

QUINTO DI TREVISO 521 votanti 521 alzate di mano. Approvata all'unanimità ieri sera durante l'Assemblea dei Soci di CentroMarca Banca Credito Cooperativo l’adesione al Gruppo Bancario Iccrea. Un risultato inaspettato anche per lo stesso consiglio di amministrazione che è stato riconfermato dai soci presenti nella sala congressi del BHR di Quinto di Treviso. “L'unanimità è stato un risultato eccezionale”. Ha detto il presidente Tiziano Cenedese. “Come CentroMarcaBanca abbiamo sempre investito nel gruppo ICCREA, quindi era già naturale la predisposizione di continuare su questa strada”- ha detto Cenedese appena riconfermato alla presidenza del CDA di CentroMarca Banca- “In questo particolare momento siamo inoltre stati chiamati a collaborare nei tavoli di lavoro che Iccrea ha voluto istituire per rimanere a contatto diretto con il territorio. In sinergia con altri rappresentanti delle BCC del Veneto, anche CentroMarca Banca sarà impegnata attivamente nelle attività di avvio del Gruppo Bancario”- ha concluso Cenedese.

In apertura è stato dato il benvenuto ai 249 nuovi soci mentre con un minuto di silenzio sono stati ricordati i soci scomparsi. Durante l’assemblea è stata ribadita la ragione per la quale ogni BCC esiste: quella della mutualità. CMB, richiamandosi ai criteri ispiratori dell’attività, nel 2016 è intervenuta, finanziando per oltre 142 mila euro tante iniziative di carattere sociale, culturale, solidaristico e di volontariato che si sviluppano nel territorio di riferimento della Banca. CentroMarca Banca attraverso i suoi 5.417 soci ha sostenuto parrocchie, scuole dell’infanzia parrocchiali, gruppi e associazioni sportive e culturali, pro loco, missionari e numerose altre iniziative di volontariato.

“Questa non è una banca di soci investitori ma di soci operatori” -Ha detto il presidente della Federazione veneta delle BCC Ilario Novella intervenendo all’assemblea- “Noi, come BCC, non enfatizziamo il socio come portatore di capitali ma come portatore di lavoro, di consigli, di relazioni. Questo è il nostro capitale che non è di natura economica ma umano” Ha detto Novella “Sul bilancio non c'è molto da dire perché CMB rappresenta una realtà solida. La Federazione conta molto sulla vostra Banca perché è un Istituto di Credito Cooperativo di riferimento che ha portato avanti una fusione con assoluta serenità”- Ha detto Novella rivolgendosi alla folta platea di soci presente in sala- “Può permettersi di fare qualche altra aggregazione.

Il presidente Veneto delle BCC ha inoltre parlato del delicato periodo che stanno vivendo i Crediti Cooperativi in Veneto, ma anche delle peculiarità di questi Istituti che sono una realtà bancaria importante e legata profondamente al territorio. “Dal primo maggio avremo 24 banche. Quattro 4 anni fa, quando ho iniziato la mia carriera all'interno della Federazione- ha detto Novella- eravamo in 37 banche. Le BCC sono una realtà veneta perché rappresenta il 10% delle quote di mercato, ha 546 sportelli, 126000 soci, quasi 5000 dipendenti con la caratteristica che sono banche con soci veneti perché, per statuto, le BCC devono avere soci residenti operanti nel territorio della propria banca”.

Approvato all’unanimità anche il bilancio di esercizio, il primo dopo la fusione con la Cassa Rurale, che si chiude con un utile di 3.259 mila euro. Molto apprezzato l’intervento del Direttore Generale Claudio Alessandrini. “Il 2016 è stato un anno impegnativo nel quale, in tempi da record abbiamo messo insieme due banche, due culture diverse! E’stata però un’unione che ha creato valore perché la Banca rimane solida e fa reddito, tant’è vero che chiudiamo il bilancio 2016 con risultati migliori di quelli previsti dal piano industriale!.” Ha detto il direttore generale Alessandrini.

“Abbiamo dato uno stimolo importante all'economia per operazioni di investimento sia per le famiglie per l’acquisto della prima casa, sia alle imprese per investimenti strumentali. 85 i milioni di euro di credito erogato. Ma al di là di questo il sostegno più importante è stato dato a quelle famiglie e imprese che si sono trovate in seria difficoltà. Complessivamente sono stati sospesi o rinegoziati mutui per 26 milioni di euro vedendo coinvolte 92 famiglie e 71 imprese che ci auguriamo riescano presto a trovare la serenità economica che ogni persona dovrebbe avere”. Ha detto il Direttore Generale di CMB Claudio Alessandrini.

Al termine dell’assemblea è stato riconfermato anche il consiglio di amministrazione di CentroMarca Banca composto da Tiziano Cenedese (presidente), Massimo Benetello, Giacomo De Marchi, Livio Martini, Michele Parolin, Renato Pavanetto, Elio Tronchin, Emanuela Volpato ed Emanuele Zanatta. Riconfermato a maggioranza  anche il Collegio sindacale vedrà impegnati Massimo Calaon (presidente), Maria Teresa Curtolo, Giovanni Munarin, Marta Bacciolo e Vittorio Faldini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Attualità

«Perchè non è stata vaccinata anche mia moglie?»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento