menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'assessore Federico Caner

L'assessore Federico Caner

Turismo, Caner al Senato: «Chiediamo investimenti per lo sviluppo digitale»

Per l’assessore bisogna investire nella digitalizzazione dei processi: banda larga per sviluppare nuovi modelli di gestione integrata dei dati, servizi interconnessi e creazione di prodotti personalizzati

Concessione di contributi a fondo perduto per ammodernare strutture ricettive e imprese, facilitazioni nell’accesso al credito e agevolazioni fiscali per le aziende della filiera turistica, un piano di promozione per un posizionamento strategico dell’Italia sul mercato internazionale, investimenti mirati per il turismo sostenibile e per lo sviluppo digitale dell’intero settore, puntando alla realizzazione di una piattaforma nazionale per la governance turistica della destinazione Paese. Sono queste, in sintesi, le richieste presentate dalla Commissione Turismo della Conferenza delle Regioni, e sostenute dall’assessore veneto Federico Caner, nel corso dell’audizione online con la Commissione Industria, Commercio e Turismo del Senato.

«Siamo di fronte ad una crisi epocale e tra i settori trainanti dell’economia nazionale quello dei viaggi e del turismo è il più colpito – spiega Caner – Se il nodo cruciale è il superamento dell’emergenza sanitaria, la priorità immediatamente successiva riguarda una progettazione ad ampio respiro per il rilancio complessivo dell’intera industria turistica italiana e del vasto indotto a essa collegato. Oggi è necessario garantire concretamente e da subito alle aziende che non possono operare a causa del Covid le risorse per sopravvivere, ma se non si sviluppa immediatamente anche una programmazione che garantisca domani la competitività della nostra offerta, ogni azione risulterà vana».

Per l’assessore un passo decisivo è investire nella digitalizzazione dei processi: banda larga per sviluppare nuovi modelli di gestione integrata dei dati, servizi interconnessi e creazione di prodotti personalizzati. «Una digitalizzazione programmata da sviluppare con risorse mirate nella logica 4.0 e all’interno del progetto Paese del Recovery Fund, aiuti calibrati per ogni categoria di imprese, piccole, medie e grandi, per facilitare investimenti in infrastrutture e in tecnologia – precisa Caner – Indispensabile è disporre di un piattaforma nazionale attraverso un #DMS (Destination Management System) per la gestione integrata di informazione, promozione e commercializzazione dell’offerta turistica italiana, sulla scia di quanto già intrapreso da alcune Regioni, tra le quali il Veneto».

Per quanto riguarda la promozione, Caner ha chiesto nel corso dell’audizione che sia redatto un piano pluriennale di rilancio del brand Italia e dei brand territoriali specifici: «Negli ultimi anni, per la mancanza di risorse, abbiamo destinato residui di bilancio alla promozione turistica – ha detto – Le Regioni, invece, devono disporre, in proporzione alla quota di Pil turistico generato, fondi per programmare, progettare, comunicare e promuovere le specificità del territorio con particolare attenzione ai settori, come ad esempio la meeting industry, il turismo slow o termale».

L’assessore pensa a una promozione di nuova generazione tra sviluppo di webapp, canali social, nuovi media, eventi come meeting ibridi e fiere interattive di settore: «Le eccellenze delle destinazioni – ha concluso Caner – vanno valorizzate in un quadro che integri il Piano Strategico Nazionale del Turismo con i Piani strategici regionali, prevedendo un meccanismo premiante per le Regioni capaci di produrre il miglior ritorno sull’investimento promozionale, misurabile non solo con le presenze ma anche attraverso altri parametri come l’incidenza sul Pil, i livelli occupazionali, i giorni di stagionalità, la sostenibilità dell’offerta».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
blog

Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento