menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Turismo in crescita nella Marca, specialmente nella Castellana: Castelfranco capofila

«Non possiamo fermarci alle sole opportunità offerte dal nostro, se pur ricco, territorio – spiega il vicesindaco di Castelfranco, Gianfranco Giovine – perché come accaduto con la crisi del 2007 c’è poi il rischio che l’intera economia possa arrancare o fermarsi»

Il vicesindaco con delega al Turismo di Castelfranco Veneto, Gianfranco Giovine ha partecipato nella scorse ore al tavolo locale di lavoro della O.G.D., l’Organizzazione di Gestione della Destinazione riconosciuta dalla Giunta regionale e costituita da soggetti pubblici e privati quali, tra gli altri, titolari di alberghi, B&B ed agriturismo. L’incontro è stata l’utile occasione per un bilancio dell’anno che si sta chiudendo in un settore in crescita, con percentuali per la Castellana e per la Marca in doppia cifra ed in cui l’Amministrazione comunale, tra le altre, mette a disposizione 20 mila euro, quale parte della Tassa di soggiorno raccolta. Su questa linea di lavoro voluta dal titolare del referato al Turismo, si inseriscono anche le prossime aperture dell’Info-Point tanto a gestione con personale quanto quello tecnologico con un apposito screen che verrà posto in piazza Giorgione.

Il vicesindaco ha colto inoltre l’occasione per presentare alcuni dei prossimi appuntamenti in programma nel corso delle festività Natalizie. Nel calendario spicca il Concerto di inizio d’anno, alla seconda edizione ed ospitato al Teatro Accademico, le visite guidate alle varie eccellenze della Città (Mura, Museo, Teatro ed altri punti di interesse storico-culturale), gli incontri enogastronomici ed i vari eventi legati al Mercatino di Natale. Particolare interesse ha suscitato la presenza e relazione di Sylvie Scala, giovane formatrice, professionista nelle progettualità di marketing e comunicazione nel settore turistico, la quale ha presentato uno studio sulle evoluzioni del turismo che si apre ai settori business, leisure ed esperienziale con l’Italia chiamata a stare al passo nella competizione con gli altri Paesi Europei.

«Non possiamo fermarci alle sole opportunità offerte dal nostro, se pur ricco, territorio – spiega il vicesindaco, Gianfranco Giovine – perché come accaduto con la crisi del 2007 c’è poi il rischio che l’intera economia possa arrancare o fermarsi. È necessario che attraverso tavoli di lavoro come l’OGD, possano essere create nuove opportunità per intercettare moderni flussi turistici come il business e direi le nuove frontiere dell’esperienziale. Ognuno, per la propria competenza, deve essere in grado di soddisfare questi nuovi turisti che sono definiti viaggiatori e che portano con sé una predisposizione a spendere e far girare così l’economia». Giovine ha infine espresso la forte volontà di mettere a disposizione le risorse provenienti non solo dalla tassa di soggiorno, per arricchire la crescita del settore turistico con opportunità di confronto e formative, per una cabina di regia che possa essere da timone per l’intera Castellana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento