Presidente unione imprese storiche: è l'amministratrice di Keyline di Conegliano

Mariacristina Gribaudi: "Fondamentale tramandare ai giovani i valori dei brand ultracentenari"

Mariacristina Gribaudi

CONEGLIANO Mariacristina  Gribaudi, amministratrice unica di Keyline-Gruppo Bianchi 1770 di Conegliano, è stata eletta come prima vicepresidente e presidente del distretto Italia settentrionale dell’unione imprese storiche italiane per la legislatura 2016-2019.

L’incarico è stato conferito a Firenze in occasione dell’assemblea annuale dell’associazione che riunisce 45 brand ultra centenari del Made in Italy appartenenti a 8 regionid’Italia. Confermato alla presidenza dell’unione Eugenio Alphendery, direttore e comproprietariodell’OfficinaProfumoFarmaceutica di Santa Maria Novella 1612 Firenze.

“L’Unione imprese storiche italiane deve diventare sempre più un punto di riferimento non solo per gli imprenditori ma anche per i giovani e per il mondo universitario – ha detto Mariacristina Gribaudi, amministratrice unica di Keyline dopo aver ricevuto il suo mandato – Dobbiamo essere in grado di tramandare alle nuove generazioni i grandi valori che le nostre imprese associate hanno custodito per secoli e per generazioni”.

L’Unione Imprese Storiche Italiane ha tra i propri obiettivi strategici l’apertura di nuove collaborazioni con associazioni estere di imprese storiche e la promozione di eventi e iniziative che affrontino le tematiche più attuali dell’imprenditoria italiana, dalle nuove forme di innovazione al passaggio generazionale, dal ruolo dei musei d’impresaalla brand protection.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento