menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al Vinitaly la nuova Doc Pinot Grigio “delle Venezie”, Zaia: “Una Ferrari da usare bene”

Si tratta della ventinovesima Doc del Veneto, regione nella quale si produrrà il 50% del nuovo vino, diventando così il suo bacino più importante al mondo

TREVISO “Da oggi lanciamo una sfida identitaria, nella quale però ognuno dei protagonisti ha saputo rinunciare a un pizzico della sua per far nascere un Consorzio al quale le Istituzioni consegnano una Ferrari chiavi in mano e con il pieno di benzina. Dobbiamo andare uniti sui mercati e puntare alla qualità e a un prezzo adeguato, remunerativo”. Con queste parole il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, lunedì al Vinitaly, ha descritto la nuova Doc Pinot Grigio delle Venezie, che riunisce in un Consorzio interregionale il Veneto, il Friuli Venezia Giulia e la Provincia autonoma di Trento.

Quella che è anche la ventinovesima Doc del Veneto è stata presentata allo stand del Ministero delle Politiche Agricole, alla presenza di Zaia, del Sottosegretario Giuseppe Castiglione, della Presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani del Presidente della Provincia di Trento Ugo Rossi, e del Presidente del nuovo Consorzio Albino Armani, nel corso di un “talk show” in diretta condotto da “Fede” e “Tinto” della trasmissione Decanter del Gr 2 Rai. Zaia ha ricordato che più del 50% della produzione in questione è veneta, “ma in questo caso dobbiamo essere più uniti che mai e assolutamente alla pari, perché entriamo in un mercato che è un negozio di cristalli e vogliamo vincere” Nel Triveneto i vigneti della nuova Doc valgono un potenziale produttivo di quasi 2 milioni di ettolitri, 260 milioni di bottiglie e 24 mila ettari. Il 56% del totale nazionale di Pinot Grigio è coltivato proprio in Veneto, dove gli ettari dedicati sono 13 400.

Il percorso che ha portato a questo traguardo è stato complesso ed articolato. Iniziato 3 anni, a metà 2014, ha visto più di 50 riunioni e confronti periodici tra gli attori delle filiere vitivinicole delle tre regioni coinvolte: Veneto, Trentino e Friuli Venezia Giulia. L’operazione conclusa ha una portata storica perché si sono accantonati campanilismi e ideologie, facendo sintesi tra regioni molto diverse per storia, tradizione, colore politico. A partire dalla vendemmia 2017 le uve Pinot grigio raccolte in Veneto, Friuli e Trentino potranno essere quindi commercializzare unicamente con questa denominazione di origine controllata "delle Venezie". Di fatto il Veneto diverrà il più importante bacino mondiale di Pinot grigio, un vino che per il 95% viene esportato all'estero. I prossimi passi sul fronte della promozione spetteranno al neocostituito Consorzio di tutela “Doc delle Venezie”, presieduta da Albino Armani, che ha già in calendario iniziative sia sul territorio nazionale che all’estero, in particolare sui mercati di riferimento come l’Inghilterra e gli Stati Uniti.

PINOT GRIGIO 1-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Schianto tra due moto e un'automobile: morto un centauro 25enne

  • Cronaca

    Lutto a Follina, l'alpino Mario Naibo è andato avanti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento