menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Vendemiano Sartor

Vendemiano Sartor

Zona Rossa, Confartigianato: «Servono meno vincoli sui contratti flessibili»

L'appello di Vendemiano Sartor, presidente Confartigianato Imprese Marca trevigiana: «Rendere meno costoso il lavoro nei contratti stabili e facilitare le assunzioni di giovani»

Il contratto a tempo determinato è la formula prevalente (70%) di accesso al mercato del lavoro. Per rilanciare l’economia trevigiana servono meno vincoli e meno costi sui contratti di lavoro flessibili, in particolare quelli a termine. La richiesta viene da Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, preoccupata per le ulteriori conseguenze del lockdown da “zona rossa”.

tabella-conf-2

«Sui contratti a termine - rilancia il presidente Vendemiano Sartor - chiediamo di abolire l’obbligo di indicare la causale che genera vertenze e il contributo addizionale previsto per ciascun rinnovo, pari all’1,40% della Ral individuata. Auspichiamo che la volontà del Ministero del Lavoro di modificare i contratti a termine, si traduca in scelte normative concrete». Nel 2020 i contratti a termine nei settori in cui operano le imprese artigiane sono diminuiti considerevolmente: nella Marca si è passati da 21.880 del 2019 a quota 17.980, con un calo del 17.8%. In Veneto il calo è stato ancora più significativo attestandosi a -21%, da 152.585 a 120.680. «Prima della pandemia, all’uscita del Decreto Dignità nell’agosto 2018 - fa notare Sartor - si è notato un aumento dei contratti a tempo indeterminato e un calo delle assunzioni con contratto a tempo determinato. Segno che le rigidità introdotte dal Decreto Dignità hanno portato difficoltà e diffidenza nell’utilizzo del contratto a termine». Secondo i dati riportati da Confartigianato, le assunzioni ormai avvengono solo in piccola parte con il contratto a tempo indeterminato, in maniera abbastanza significativa con il contratto a tempo determinato ma soprattutto, dopo il Decreto dignità, sono aumentati i contratti di somministrazione, un rapporto di lavoro che poco risponde alle specifiche della piccola e media impresa, che preferisce avere la gestione diretta/familiare dei collaboratori.

tabella-conf-2-2-2

«Ecco perché - sottolinea Sartor - è giusto che in un momento come questo il Governo intervenga sui contratti a termine, soprattutto nell’eliminazione dell’obbligo delle causali che sono sempre state la criticità dello strumento e fonte di contenzioso, fatta salva la sostituzione per malattia o per gravidanza che nelle piccole imprese, sotto i 20 addetti, è anche sgravata». La strategia proposta dall’Associazione per far crescere l’occupazione stabile punta su un apprezzabile, durevole e davvero accessibile riduzione dei costi del tempo indeterminato piuttosto che penalizzare quelli a termine. «Continuiamo ad assistere a riduzioni temporanee del costo del lavoro sotto forma di incentivi o bonus - sottolinea il presidente Sartor - ci auguriamo che il Governo cambi rotta e rimuova i lacci e liberi gli incentivi appena introdotti ripensandoli anche in un’ottica di riqualificazione e riconversione professionale. Serve accompagnare gli interventi sul costo del lavoro a un potenziamento delle politiche attive per i disoccupati. L’obiettivo è soddisfare le mansioni e le competenze che mancano per i lavori di oggi sempre più digitalizzati e molto più tecnici».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento