Come il peso dell'acqua: un viaggio di conoscenza, incontro, dubbio

Secondo appuntamento per Passi verso l’Altrove il 22 novembre, dalle ore 10 alle ore 12, presso l’Auditorium di Villa Zanetti a Villorba.
Torna in Fondazione uno dei più apprezzati e talentuosi giovani registi italiani: Andrea Segre; torna per condividere con gli studenti delle Scuole Superiori di Secondo Grado le storie di Gladys, Nasreen e Semhar, protagoniste di “Come il peso dell’acqua”

Da oltre dieci anni abbiamo concentrato tutti i nostri sforzi economici, politici e militari a tentare di chiudere la frontiera mediterranea: c’è chi lo ha fatto con più cautela e chi con più cattiveria, ma lo scopo unico è comunque e sempre “ridurre il numero di sbarchi”, fermare e contenere. Un orizzonte che ha schiacciato le nostre capacità di ascoltare e capire i motivi e le scelte di chi viaggia. “Come il peso dell’acqua”, attraverso le storie di tre donne e lo sguardo di due grandi narratori civili, cerca di modificare questo orizzonte. Il film, trasmesso in prima serata su Rai3 il 3 ottobre 2014 in occasione dell’anniversario della strage di Lampedusa, che ha causato la morte accertata di 366 persone, diventa occasione per una nuova conoscenza che sarà lo stesso regista Andrea Segre a narrare, aiutandoci a delineare i confini di una tragedia che fatichiamo ad interpretare.

La voce di Giuseppe Battiston accompagna il racconto di Gladys, Nasreen e Semhar e del loro difficile viaggio dal paese d’origine alle coste italiane. Il racconto delle protagoniste segue tre filoni di narrazione: la memoria del viaggio, l’attraversata del mare, la loro vita oggi.
Marco Paolini, con la sua arte tra studio e scoperta, fornisce altri strumenti di comprensione disegnando i flussi delle migrazioni verso l’Europa su tre grandi mappe geografiche che Giuseppe poi appende alle tre pareti della sua stanza, aiutando lo spettatore, e Battiston stesso, a comprendere le direzioni e le barriere dei popoli in marcia. Mentre le donne raccontano, la stanza di Giuseppe Battiston va riempiendosi di oggetti e simboli che incontriamo nelle loro storie: alla fine Giuseppe è attorniato dai segni, le parole, le mappe, i ricordi della sua nuova conoscenza: prove tangibili, simboli inconfutabili che rendono concrete esistenze che spesso non percepiamo come reali.

Per informazioni:
Fondazione Zanetti Onlus
tel. 0422 312680
eventi@fondazionezanetti-onlus.org

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • La Primavera del Pensiero a Villorba

    • Gratis
    • dal 8 aprile al 4 giugno 2021
    • Pagina Facebook @Comunedivillorba
  • Imago Mundi presenta la rassegna "Arte come..."

    • Gratis
    • dal 19 aprile al 17 maggio 2021
    • Zoom
  • I seminari di JELT: ecco la rassegna "Soglie reali, confini virtuali"

    • Gratis
    • dal 6 maggio al 3 giugno 2021
    • Online

I più visti

  • A Treviso la mostra "Renato Casaro - L'ultimo cartellonista del cinema"

    • dal 28 febbraio al 30 settembre 2021
  • "La divina commedia e le tracce di Dante nel territorio veneto"- incontro online

    • Gratis
    • 10 maggio 2021
    • Fondazione Villa Benzi Zecchini
  • Alla scoperta del Molinetto della Croda e dei suoi colli

    • 30 maggio 2021
    • Refrontolo
  • Festa della Mamma alla Colonia Agricola

    • solo domani
    • 9 maggio 2021
    • Colonia Agricola
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento