Sile Jazz 2019: due nuovi appuntamenti a Mogliano Veneto e Casale sul Sile

Weekend in musica grazie ai concerti del festival jazzistico trevigiano. Sonorità raffinate e internazionali venerdì sera in Piazzetta del teatro a Mogliano e sabato al porto di Casale

Dopo l'ottimo riscontro del weekend di apertura, Sile Jazz 2019 prosegue venerdì 21 giugno alle ore 21 con il progetto Paul Van Kemenade's: Three horns and a bass a Mogliano Veneto in Piazzetta del Teatro (in caso di pioggia al Centro Sociale di Piazza Donatori Volontari di Sangue). La band è composta da quattro musicisti olandesi, giovani e innovativi (Angelo Verploegen: tromba; Louk Boudesteijn: trombone; Wiro Mahieu: contrabbasso; Paul van Kemenade: sax alto e autore dei brani); anima dell'affiatatissimo ensemble - che non manca di infuocare il palco - è il sassofonista van Kemenade, noto in tutta Europa per il suo virtuosismo e per l'ecletticità che lo contraddistingue. Di lui hanno detto: «Il suono del suo sax assomiglia al volo di un uccello paradisiaco che con le piume arcobaleno cavalca la stratosfera». Van Kemenade richiama il sound di grandissimi idoli, come David Sanborn e Maceo Parker: è un artista a dir poco eclettico, che ha lavorato con orchestre sinfoniche, artisti africani, bande di ottoni, musicisti di flamenco, ensemble di archi, cantanti dal repertorio rinascimentale, fino alle migliori jazz band internazionali. Per chi vuole cenare prima del concerto, "Unico Ristorante" a Mogliano, per l'occasione metterà a disposizione un menù preparato appositamente per il festival.

A seguire, sabato 22 giugno, la giornata comincia già nel pomeriggio: a partire dalle 16 il Cycling in the Venice Garden organizza un percorso cicloturistico da Casale attraverso il Parco naturale del Sile. Il percorso viaggia insieme al correre del fiume Sile e incontra ampi parchi alberati, luoghi di interesse storico e naturalistico e punti panoramici. Numerose ville venete padronali sorgono agli argini del fiume ed è possibile ammirare le loro facciate principali che sono sempre rivolte verso l’acqua. E’ un percorso di 23 chilometri (percorribile a/r in circa 2 ore) che regala benessere e incuriosisce il visitatore, il quale potrà scoprire la storia e le tradizioni dei caratteristici luoghi che attraverserà. La sera, alle ore 21 (ingresso libero) tocca a un'altra band a dir poco stupefacente: gli Hang Em High a Casale sul Sile (al Porto o, in caso di pioggia all'Auditorium di Via Vittorio Veneto). Protagonisti sono Bond (bizzarro solista del basso elettrico a due corde), Alfred Vogel alla batteria e alle percussioni; Lucien Dubuis al sax tenore, clarinetto basso e contrabbasso. Un polacco, uno svizzero ed un austriaco uniscono i loro stili jazz per formarne uno tutto nuovo, difficilmente classificabile. Nascono come progetto musicale nel 2013: «un jazz psicotico e carnale, sciolto come il ferro fuso, freddo come Clint Eastwood» spiegano loro stessi. Sono tutto fuorché convenzionali: combinano melodie jazz del tutto inconsuete con il punk, l'elettronica e perfino la musica da film western. Anche in questo caso è possibile cenare all'insegna di Sile Jazz nel ristorante convenzionato Uno Due Ristorante (a Casale). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il festival proseguirà il 28 giugno con il percorso cicloturistico "Anello del Sambuco e bosco Fontanassi", sempre alle 16 e organizzato da Cycling in the Venice Garden; la sera, alle 21, a Villa Guidini di Zero Branco sale sul palcoscenico il  Roberto Pianca Sub Rosa, un insieme di giovani e talentuosi musicisti che fondono in modo inconsueto jazz, rock e musica classica contemporanea. La cena è attesa al Convivio di Villa Guidini. Sabato 29 giugno a Morgano nella Chiesetta San Antonio Sile Jazz propone due soli di chitarra di Filippo Cosentino e Francesco Diodati. Un concerto dal sound inusuale affidato a due ottimi solisti: Cosentino è riconosciuto come “uno dei principali interpreti europei” nel gestire diverse chitarre, suonando la chitarra baritona acustica. Francesco Diodati è uno dei più importanti improvvisatori della sua generazione e ha partecipato a diversi festival in tutta Europa e Asia. Il Menù Sile Jazz per la cena è messo a disposizione da Mediterraneo Cantina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

Torna su
TrevisoToday è in caricamento