"Sono viva - contro la violenza di genere" a Castelfranco Veneto

CASTELFRANCO VENETO - A fine 2013 a Castelfranco si è formato “ OrizzonteFemminileMaschile” per iniziativa di un gruppo di donne e uomini di varia età, professione ed esperienza; gruppo sollecitato ad occuparsi della violenza nei confronti delle donne dalla rilevanza crescente che il tema ha assunto  presso l’opinione pubblica e dalle dimensioni del fenomeno che trovano drammatica conferma ogni giorno nei fatti di cronaca. Il  nome Orizzone FemminileMaschile  è frutto di un  percorso di consapevolezza e conoscenza che molteplici sono gli aspetti insiti nel fenomeno della “violenza di genere”; aspetti originati da cause familiari, sociali, culturali ed economiche che condizionano alla base il rapporto donna-uomo.  Orizzonte Femminile Maschile perché la “violenza di genere” non è un problema solo delle donne. Ed acquista sempre più forza la consapevolezza di come sia un problema sociale e di come la prevenzione o la soluzione del problema passino attraverso  ripensamenti profondi delle consuetudine nelle relazioni interpersonali e tramite cambiamenti di certi modelli culturali.

L’iniziativa “ S ON O   V I V A  -  NO alla violenza di genere”  vuole essere una prima occasione suddivisa in due eventi ( 18 e 24 maggio ) per affrontare il tema proponendo oltre ai momenti di approfondimento  la condivisione di varie forme artistiche/espressive  come la pittura o la musica in modo da incentivare tutti i possibili linguaggi ed ampliare le possibilità di coinvolgimento del maggior numero di persone. Così il 18 maggio alle ore 16 presso l’ex-panificio Fraccaro avrà luogo la presentazione delle opere di pittura di Olga Galiamina, una donna che con pochi tratti riesce a trasmettere l’espressività di ogni figura rappresentata . Si tratterà di una presentazione perché la vera mostra verrà dislocata nella settimana seguente, fino al 3 giugno, nelle vetrine dei negozi del centro storico.

Nella definizione “ violenza di genere” , si comprendono molti comportamenti di varia natura vissuti il più delle volte in silenzio, quasi sempre con dolorose sofferenze dalla ”vittima” e  spesso anche dall’”autore” del male.  E proprio il “ Male che si deve raccontare” è il titolo del libro che verrà presentato il 24 maggio dalle ore 15 presso la sala Pacifico Guidolin; un libro  scritto da Simonetta Agnello Hornby con Marina Calloni per illustrare il programma Scotland che ha contribuito a contenere la violenza in Inghilterra. Programma basato  su un approccio coordinato da parte dei servizi sociali, il cui ruolo essenziale e di riferimento anche per la realtà castellana sarà evidenziato dal dr Pasquale Borsellino ( Direttore dell’U.O. materno infantile età evolutiva e famiglia dell’ULSS8 ) nella sua relazione “La violenza di genere: una rete di prevenzione e cura”coinvolgendo le assistenti sociali Daniela Reginato e Petra Tomaello con la loro attiva esperienza nel “Tavolo Rosa” organismo intercomunale di pari opportunità dell’area montebellunese dell’ULSS 8. Chiuderà l’evento il concerto “Ritratti di Donna” della cantautrice Erica Boschiero.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Fiere, potrebbe interessarti

I più visti

  • "Ero uno zombie ma sono guarita": la battaglia di Anna contro l'anoressia diventa una mostra

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 30 aprile 2021
    • Trieste, via Cau de Mezo
  • Steve McCurry in mostra a Palazzo Sarcinelli con "Icons"

    • dal 23 dicembre 2020 al 2 maggio 2021
    • Palazzo Sarcinelli
  • A Treviso la mostra "Renato Casaro - L'ultimo cartellonista del cinema"

    • dal 28 febbraio al 30 settembre 2021
  • “Morire di Mafia”: quattro eventi on line con i ragazzi del liceo Duca degli Abruzzi

    • dal 9 aprile al 7 maggio 2021
    • pagina Youtube del Comune di Treviso
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento