Giornata della Memoria: "Tutto sta nel nome" a Castello di Godego

Lettura-spettacolo con brani tratti da "Il bambino di Noè" racconto di Eric - Emmanuel Schmitt con Francesca Botti e alla chitarra Paolo Marocchio Il bambino di Noè è un romanzo ispirato ad una storia vera, un piccolo capolavoro dove l'elemento fiabesco e quello storico si alternano in umane vicende che tessono la trama fitta dell'esistenza. Un inno ai valori umani dell'amicizia e della solidarietà, un omaggio al coraggio di quanti sono posseduti dalla follia dei giusti. In uno spazio scenico minimale, una chitarra e due voci conducono lo spettatore nel cuore della vicenda. La musica accompagna la recitazione con brani della tradizione popolare ebraica, Yiddish e Sefardita, e con improvvisazioni di sostegno alle parole e all'azione teatrale. Sul palco una donna e un musicista. Un leggio, una chitarra, fogli sparsi. Questa donna accoglie il pubblico e inizia un gioco sul nome. Il nome, come il colore della pelle, come l'abito che indossi, come i pensieri che hai in testa, può farti rischiare la pelle. Oggi come ieri. Non vi pare? Si chiama Marcelle, una farmacista atea, scorbutica e severa, che viene da un paesino della campagna di Bruxelles. Cercando tra i suoi fogli, perchè la memoria a volte inciampa e si perde, racconta da sempre una storia, una per tutte: quella dei ragazzi a cui è stata strappata l'infanzia. Eccola qui, la storia del bambino Joseph, con un cognome che negli anni in cui è vissuto proprio non andava bene. Siamo in Belgio, nel 1945, a Villa Gialla, un collegio-orfanotrofio, dove i bambini accolti da Padre Pons sperano prima o poi di esser riconosciuti dai loro genitori scampati alla guerra. Tra di loro, nascosti, ci sono anche bambini ebrei. Marcelle, nella clandestinità di casa sua e in accordo con il prete, crea per ognuno di loro un nuovo passaporto con un'identità falsa. Tra tutti Marcelle si affeziona a Joseph e di lui ci racconta le sue vicissitudini. Gli insegna a mentire per salvargli la vita, gli chiede di rinunciare alle proprie radici, alla propria famiglia per poter sperare un giorno di reincontrarla e tornare a vivere la vita di sempre. Da Padre Pons Joseph impara a conoscere i riti cristiani per confondersi tra gli altri e sottrarsi alla deportazione. Ma con il tempo tutta questa paura, tutto questo orrore, tutte queste menzogne non faranno dimenticare ai bambini chi sono e da dove vengono? La bestialità nazista rischia di cancellare un mondo intero, una cultura con la sua tradizione, la sua storia, i suoi libri. Padre Pons questo mondo vuole salvarlo ma per far questo occorre un luogo segreto: una cripta che si trasforma in un'arca magica e assoluta. Marcelle nel finale svela la sua di storia. Ora lei è nel "vento" e spera che a raccogliere i fogli (della storia) della sua memoria e leggerli uno a uno siano i vivi non i morti! Occorre un'Arca, un luogo protetto in cui difendere le differenze che la pazzia sterminatrice di alcuni uomini vuole azzerare. Quel luogo magico e prezioso siamo noi. Ogni bambino, ogni ragazzo nella sua crescita ha un filo che lo lega alle sue radici. Crescendo ognuno di noi fa la sua strada ma nessuno ha il diritto di interrompere quel legame che ci rende speciali e diversi uno dall'altro Distribuzione dello spettacolo: Luisa Trevisi trevisi.luisa@gmail.com 347/8217393

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • A Treviso la mostra "Renato Casaro - L'ultimo cartellonista del cinema"

    • dal 28 febbraio al 30 settembre 2021
  • Alla scoperta del Molinetto della Croda e dei suoi colli

    • 30 maggio 2021
    • Refrontolo
  • Al Grass bar il cocktail fotografico del maestro del nudo

    • Gratis
    • dal 6 maggio al 30 giugno 2021
    • Grass Bar
  • Corsi per dj on line

    • dal 1 novembre 2020 al 20 novembre 2021
    • Italia
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento