I 50 anni di "Nina ti te ricordi" con Gualtiero Bertelli e le musiche del chitarrista Grollo

Sabato 19 marzo, invece, la canzone popolare d'autore di Gualtiero Bertelli, celebre artista veneziano, sarà protagonista di Buon Compleanno Nina, concerto celebrativo del cinquantesimo compleanno di Nina ti te ricordi, brano tra i più noti dell'autore. Con Gualtiero Bertelli ci saranno anche Francesca Gallo e Mirko Artuso, oltre all'amichevole partecipazione di Erica Boschiero e Alberto Cantone. Il Teatro del Pane, il suo pubblico e alcuni tra i più appassionati cantautori/cantastorie trevigiani in una serata immaginata da Marco Paolini e Mirko Artuso per festeggiare il 50° compleanno di Nina ti te ricordi, abbraccia uno degli interpreti della canzone popolare tra i più importanti del nostro Paese. Gualtiero Bertelli nato a Venezia nel 1944, dopo aver fondato nel 1964 il Canzoniere Popolare Veneto, inizia a comporre canzoni in dialetto e in italiano, tra i suoi maggiori successi, Vedrai com'è bello (eseguita anche da Bruno Lauzi) e Nina ti te ricordi (reincisa nel 2002 da Giovanna Marini e Francesco De Gregori). Nel 1987 all'album Barche de carta viene assegnata la Targa del Premio Tenco. A questa serata, che vuol essere una festa, parteciperanno Francesca Gallo, Erica Boschiero e Alberto Cantone per un omaggio a Gualtiero e alle sue intramontabili canzoni d'autore. Mirko Artuso, per introdurre al racconto, leggerà brani da Venezia e una fisarmonica - Storie di un cantastorie di Gualtiero Bertelli.

Gualtiero Bertelli è nato a Venezia, nell'isola della Giudecca, il 16 febbraio 1944. Avviato allo studio della fisarmonica all'età di cinque anni, a sette già si esibiva come solista nel complesso di fisarmoniche del suo maestro. Alla fine degli anni Cinquanta percorre la stagione del rock e della canzone d'autore, fondando due gruppi musicali che lo vedranno attivo fino al 1963. Prende parte alla vita politica e culturale della sua città e viene a contatto con pubblicazioni discografiche, musicisti e ricercatori che si occupano di canto sociale. In particolare, grazie all'amicizia con il musicista Luigi Nono, incontra Sergio Liberovici di Cantacronache. In quegli anni la ricerca demografica e in particolare sul canto storico/politico si coniuga con l'attività di autori, come Fausto Amodei e Ivan Della Mea, che con le loro nuove canzoni raccontano la realtà urbana che si sta sviluppando a Torino, a Roma, un po' ovunque nel nostro paese. E' il 1964: nasce il Canzoniere Popolare Italiano, fondato da Gianni Bosio e Roberto Leydi. Bertelli sviluppa la ricerca sulla canzone popolare veneziana e la composizione di nuove canzoni e dal 1965 prende parte all'attività del Nuovo Canzoniere Italiano. Nello stesso anno realizza il disco "'Sta bruta guera che no xe finia", primo di una serie ricca di incisioni.

Partecipa ai due folk festival internazionali di Torino (nel 1965 e nel 1966) e a innumerevoli concerti. Nel 1972 fonda il Nuovo Canzoniere Veneto che sarà attivo fino al 1980. Dopo una pausa, nel 1987 Bertelli torna all'attività musicale con la pubblicazione del LP "Barche de carta". La canzone che dà il titolo all'album è stata premiata con la targa Tenco quale miglior composizione in dialetto dell'anno. Nel 2002 Bertelli pubblica il CD live "Quando la luna a mezzogiorno", accompagnato dal pianista Paolo Favorido e fonda "La Compagnia delle Acque", un gruppo di cantanti e musicisti con cui incide album, legati ai numerosi spettacoli sino ad oggi realizzati. E' di questi ultimi anni la stretta collaborazione con l'editorialista e scrittore Gian Antonio Stella e con il vice direttore del Gazzettino di Venezia, Edoardo Pittalis. Significativo il progetto a cui sta lavorando e che ha al centro la sua città: "Raccontare e cantare Venezia" un insieme di spettacoli e pubblicazioni per far conoscere la storia e la cultura di una Venezia invisibile o poco frequentata. Apertura ore 19.30, cena ore 20.00, spettacolo ore 21.30. Contributo cena: € 25. Contributo spettacolo: € 10. Formula cena + spettacolo: € 35.

Domenica 20 marzo sarà invece dedicata a un doppio appuntamento. Anzitutto alle ore 10.00 arriva la "Colazione a teatro" con la compagnia Claudio e Consuelo e lo spettacolo dal titolo La cucina errante - di e con Consuelo Conterno e Claudio Giri - spettacolo itinerante di canto, storie, musica, giocoleria, clownerie in cui, una bizzarra coppia che viaggia insieme da un sacco di tempo, discute sul viaggio e sulla cucina. Il viaggio permette loro di dare forma ai desideri che sono nutrimento dello spirito: i due cuochi, di un'epoca senza tempo, sanno che la gente non ha bisogno solo di pasta e fagioli, di ravioli col tartufo, di gelato al lampone... Ma ha bisogno di nutrire la fantasia. E il loro viaggio prosegue per trovare ogni giorno un posto nel quale le persone abbiano il tempo di ascoltarli cucinare le loro storie. Colazione ore 10.00, spettacolo ore 11.00. Contributo: € 8. Richiesta prenotazione.

Infine, a partire dalle 21, la musica di Alberto Grollo & Five Strings Quartet. Il concerto vedrà protagonista Alberto Grollo, uno dei chitarristi più prolifici e significativi del panorama italiano odierno, con oltre 30 album prodotti, due dei quali votati nei rispettivi anni di uscita (1998 e 2000) "migliore album di musica strumentale italiana dell'anno", dalla rivista "SUONO". La sua musica spazia fra classica, flamenco, rock-blues, jazz, new age, in una miscela che rifugge qualsivoglia catalogazione, proprio perché unica e figlia di molteplici influenze. I suoi brani sono stati utilizzati come colonna sonora di film, documentari e pubblicità e - complici gli studi di musicoterapia condotti - il loro particolare melange sonoro, particolarmente avvolgente per stile, li porta a essere inseriti tuttora nei programmi di rilassamento delle linee aeree Alitalia e Air Europe. La consacrazione definitiva è arrivata con "Acoustic World", l'album che raggiunge le vette delle classifiche di vendita di new age italiana. Nella produzione discografica di Grollo trovano posto anche opere come "After the Storm", dedicato alla medicina ayurvedica (concepito insieme al tastierista Capitanata) e "Dolomia", cd che nasce in omaggio ad una terra così ricca di affascinanti panorami, antiche leggende, eterni artisti e grandi tradizioni. Nel corso della sua lunga carriera, l'attività live non ha conosciuto soste e Alberto Grollo ha aperto concerti di leggende della musica come James Taylor, i Byrds, Carlos Nunez, fra gli altri. Oltre che in Italia, ha suonato in USA, Francia, Germania, Gran Bretagna e Croazia. Con lui, domenica sera, lo straordinario ensemble dei Five Strings Quartet, nato proprio per accompagnare Alberto Grollo nei vari concerti legati alla "Sinfonia delle Dolomiti". I Five Strings Quartet suonano Beatles e Bach, Led Zeppelin e Beethoven, Pink Floyd, Battisti, musica celtica e altro in chiave classica. Il gruppo è composto da Federica Capra (voce e violino), Giorgia Pavan (violoncello) Chiara Braghin, Giulia Galasso, Eleonora Pavan (violini). Apertura ore 19.30, cena ore 20.00, spettacolo ore 21.00. Cena a la carte. Contributo spettacolo: € 10.

Per info: info@teatrodelpane.it. Come arrivare al Teatro del Pane: https://teatrodelpane.it/contatti/

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • A Treviso la mostra "Renato Casaro - L'ultimo cartellonista del cinema"

    • dal 28 febbraio al 30 settembre 2021
  • "La divina commedia e le tracce di Dante nel territorio veneto"- incontro online

    • Gratis
    • 10 maggio 2021
    • Fondazione Villa Benzi Zecchini
  • Alla scoperta del Molinetto della Croda e dei suoi colli

    • 30 maggio 2021
    • Refrontolo
  • Festa della Mamma alla Colonia Agricola

    • solo domani
    • 9 maggio 2021
    • Colonia Agricola
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento